nick name :
  email : (non sarà visualizzata)


commento :
 

tutti i campi sono obbligatori
riceverete una email per confermare il commento inserito


18/07/2011 [Roberto]
Ciao, volevo farvi sapere che in Lombardia si è creato un gruppo di lavoro tra Distretti di Economia Solidale di varie aree regionali (Milano, Como, Brianza, Varese, Parco Sud Milano ecc) per potervi proporre una serie di modifiche che siano frutto di una reale necessità e condivisione da parte del maggior numero di GAS possibile. Il dibattito è già partito e, come potete immaginare, è piuttosto complicato mettere insieme realtà che non hanno una rappresentanza regionale strutturata. Appena termineremo il confronto, con ogni probabilità non prima dell'autuno, ci faremo certamente vivi per illustrarvele e confrontarci con voi.
Roberto - Retina GAS Brianza

14/03/2011 11:57:08 [BeRu]
E' necessario eliminare la parte riguardante i contributi economici per la costituzione dei gas, non sono necessari perchè ogni gas si costituisce solitamente tra conoscenti amici ecc., ed è sempre una realtà piccola che non necessità di un aiuto economico, è propio l'ultimo pensiero.
Piuttosto che far arrivare contributi ai gas è opportuno dirottarli alle amministrazioni comunali perchè a fronte di una richiesta specifica dei gas presenti sul territorio, mettano a disposizione i luoghi per la distribuzione ed eventualmente per gli incontri.
Ho la netta impressione che questa richiesta di finanziamenti sia pensata per i gruppi di acquisto popolare di emanazione dei partiti, associazioni ed altro. Evitiamo, in piccolo, un nuovo assalto alla diligenza non necessario.
E' negativa anche l'obbligatorietà della costituzione dei gas( funzionale per quelli di ispirazione politica ecc., per accedere ai finanziamenti).
Non si può cercare di istituzionalizzare le esperienze che si muovono sui territori, sopratutto quelle che nascono su ispirazione dei cittadini. E' un percorso che ogni gas affronta autonomamente senza obbligatorietà.
In sintesi: non c'è necessita di contributi economici, non servono e non sono richiesti!!

10/03/2011 21:16:36 [ennio]
La costituzione in associazione, richiesta come condizione per i contributi è in contrasto con la natura imformale di molti gruppi.
Sarebbe opportuno, come è avvenuto per il Bando della Provincia, consentire l'accesso ai finanziamenti ed alle altre facilitazioni ( spazi e logistica) anche ai Gas non formalizzati.

08/03/2011 00:42:19 [S.ara]
Osservazioni PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE SUI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE

Art. 4
Punto 3.
e)
Occorrerebbe indicare i criteri con i quali si individua la reale costituzione del gas almeno 6 mesi prima della richiesta di contributo; inoltre non è chiarissimo se il requisito di ‘Associazione’ abbia questo stessa restrizione dei 6 mesi;

Art. 4
Punto 3.
d) al posto di ‘partecipanti’ metterei ‘nuclei famigliari’


IN GENERALE

Non sono d’accordo sulla distribuzione di fondi a supporto economico degli acquisti fatti dai Gas: non è l’aiuto che i Gas necessitano, né richiedono.
L’arbitrarietà con la quale verrebbero distribuiti i fondi non è accettabile, secondo me, e il fatto di obbligare i gas a costituirsi in Associazione, comporterebbe ulteriori storture.

I fondi dovrebbero essere distribuiti solo ed esclusivamente a fronte di progetti presentati con lo scopo di:

incentivare la formazione spontanea dei Gas: progetti di informazione (pubblicazioni, incontri pubblici, informazione nelle comunità, scuole, luoghi di lavoro, campagne informative su mezzi info locali); progetti di formazione (tutoraggio, simulazioni)

incentivare gli acquisti ‘diffusi’ presso gli stessi produttori già fornitori dei Gas, per coloro che non sono in grado di organizzarsi nella forma Gas (anziani, single, classi disagiate o escluse socialmente dal mondo dei Gas, non in possesso di pc : ovvero la creazione e la gestione di punti di raccolta ordini: utilizzo pc, stesura e gestione listini, gestione arrivo merce, distribuzione merce

supportare i gas esistenti con incentivi ai Comuni che mettono a disposizione dei gas luoghi attrezzati e coperti per le loro attività di distribuzione merce, incontri organizzativi, incontri con i produttori

incentivare i produttori fornitori dei gas con politiche di sgravi fiscali, contributo spese di trasporto merce vs gas, contributo a investimenti strutturali, a fronte di: comprovati volumi di vendita ai Gas superiori o comunque in percentuale crescente, rispetto ai volumi realizzati con i clienti tradizionali

04/03/2011 22:43:57 [S.ara]
Osservazioni PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE SUI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE

Art. 4
Punto 3.
e)
Occorrerebbe indicare i criteri con i quali si individua la reale costituzione del gas almeno 6 mesi prima della richiesta di contributo; inoltre non è chiarissimo se il requisito di ‘Associazione’ abbia questo stessa restrizione dei 6 mesi;

Art. 4
Punto 3.
d) al posto di ‘partecipanti’ metterei ‘nuclei famigliari’


IN GENERALE

Non sono d’accordo sulla distribuzione di fondi a supporto economico degli acquisti fatti dai Gas: non è l’aiuto che i Gas necessitano, né richiedono.
L’arbitrarietà con la quale verrebbero distribuiti i fondi non è accettabile, secondo me, e il fatto di obbligare i gas a costituirsi in Associazione, comporterebbe ulteriori storture.

I fondi dovrebbero essere distribuiti solo ed esclusivamente a fronte di progetti presentati con lo scopo di:

incentivare la formazione spontanea dei Gas: progetti di informazione (pubblicazioni, incontri pubblici, informazione nelle comunità, scuole, luoghi di lavoro, campagne informative su mezzi info locali); progetti di formazione (tutoraggio, simulazioni)

incentivare gli acquisti ‘diffusi’ presso gli stessi produttori già fornitori dei Gas, per coloro che non sono in grado di organizzarsi nella forma Gas (anziani, single, classi disagiate o escluse socialmente dal mondo dei Gas, non in possesso di pc : ovvero la creazione e la gestione di punti di raccolta ordini: utilizzo pc, stesura e gestione listini, gestione arrivo merce, distribuzione merce

supportare i gas esistenti con incentivi ai Comuni che mettono a disposizione dei gas luoghi attrezzati e coperti per le loro attività di distribuzione merce, incontri organizzativi, incontri con i produttori

incentivare i produttori fornitori dei gas con politiche di sgravi fiscali, contributo spese di trasporto merce vs gas, contributo a investimenti strutturali, a fronte di: comprovati volumi di vendita ai Gas superiori o comunque in percentuale crescente, rispetto ai volumi realizzati con i clienti tradizionali

04/01/2011 19:16:53 [mamma li turchi! ( riferiti ai prezzi )]
Con la coordinatrice del circolo Magenta 25 Aprile -Costanza Silbernagl- vorremmo la presenza di Civati/Pizzul ad illustrare il progetto di legge , che condividiamo . e che speriamo sia approvato quanto prima ( anche con l'appoggio di noi GAS) . Ho gia scritto a Civati, ma attendo ancora risposta e maggiormente ora dopo questo scritto.
Buon fine settimana.
Clara Sestilli
GAS Spaventaprezzi
c/o Circolo Magenta 25 Aprile - Milano