BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > MOZIONE

Crisi occupazionale L'isolante K Flex Spa

LAVORO »

 

 


 

MOZIONE URGENTE

“Crisi occupazionale L'isolante K Flex Spa”

Il Consiglio Regionale della Lombardia

Premesso che L'Isolante K-Flex Spa è un’azienda italiana, con sede a Roncello (MB), specializzata nella produzione di isolanti elastomerici per isolamento termico ed acustico, che vanta una presenza in tutto il mondo con le sue filiali commerciali ed i suoi impianti produttivi. I prodotti e le soluzioni per l’isolamento K-FLEX trovano applicazione nei settori più diversi: dall’edilizia ai trasporti, dal petrolchimico alle energie rinnovabili.

Considerato che il Gruppo K-Flex è leader di mercato a livello mondiale grazie alla qualità e all’innovazione tecnologica dei suoi prodotti. E' presente in 60 paesi con 11 impianti produttivi ed oltre 2.000 addetti.

Atteso che il personale attualmente occupato in Italia dalla Società L'Isolante K-Flex Spa è composto da 243 dipendenti complessivi presso la sede di Roncello, di cui: 231 a tempo indeterminato a tempo pieno e 12 a tempo indeterminato part time. Negli anni passati occupava oltre 400 lavoratori e nel 2014 ha già licenziato 46 persone con una procedura di mobilità.

Visto che lo scorso giovedì 2 febbraio è intervenuta in audizione un componente del CDA dell'azienda sottolineando tra le criticità aziendali solo quella strutturale del sito produttivo ed esprimendo, al contempo, la volontà, in collaborazione e con l'aiuto di Assolombarda Confindustria Milano e Monza e Brianza, di cercare un'altra sistemazione nelle zone limitrofe di Roncello.

Preso atto che, con grande stupore ed indignazione, la IV Commissione in data 8 febbraio, nemmeno una settimana dopo l'audizione, ha ricevuto dall'Arifl la copia del fax con la quale Assolombarda Confindustria Milano e Monza e Brianza comunicava per conto della società il licenziamento collettivo per riduzione di personale ai sensi dell'art. 24 comma 1 e 4 Legge 223/1991, confermando così le denunce delle OO.SS. e dei rappresentanti dei lavoratori, cui erano seguite notizie di stampa nei giorni scorsi, di una volontà di trasferire il sito produttivo in Polonia.

Atteso che tale procedura di licenziamento coinvolge 187 posizioni lavorative afferenti sia il reparto produttivo che logistico e commerciale.

Considerato che, al netto del perdurare della crisi economica che sta ancora colpendo gran parte delle aziende lombarde, L'Isolante K-Flex Spa negli ultimi tre bilanci sociali 2013/14/15, Fonte AIDA BvD, ha chiuso comunque con degli importanti utili ed un aumento dei ricavi delle vendite. Nei recenti annunci aziendali inoltre era stata dichiarata la volontà di raddoppiare la produzione negli stabilimenti fuori dall'Italia ed aumentare il fatturato dagli attuali 320 milioni ad oltre 500 milioni di euro nei prossimi anni.

Verificato che l'azienda ha ottenuto dal Mise a partire dal 2013 un finanziamento pubblico per circa 12 milioni di euro, di cui 1 milione a fondo perduto.

Impegna la Giunta regionale:

a farsi parte attiva in tutte le sedi opportune nei confronti dell'amministratore delegato e della proprietà per chiedere il ritiro della procedura di licenziamento collettivo dei 187 lavoratori ed il ventilato trasferimento in Polonia, facendo leva oltre che sulla responsabilità sociale dell'azienda e sugli ingenti finanziamenti pubblici ottenuti, anche sugli strumenti ed incentivi a propria disposizione al fine di salvaguardare la produzione e l'occupazione in Brianza, in stretto coordinamento con il tavolo insediato presso il Mise che sarà riconvocato a breve, come assunto dal Vice Ministro Teresa Bellanova nell'incontro dell' 8 febbraio 2017.

Milano, 14 febbraio 2017


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio