BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Nilfisk: Gravissimo il rifiuto della proprietà di intervenire in Commissione

LAVORO »

 

 


 

Nilfisk-Baffi (Pd):” Gravissimo il rifiuto della proprietà di  intervenire in Commissione”

Gravissimo il rifiuto della proprietà della Nilfisk di Guardamiglio  di intervenire in Commissione. La consigliera regionale Patrizia Baffi (Pd)   stigmatizza così l’assenza dell’azienda all’audizione  che si è tenuta oggi in Commissione lavoro,  a cui sono intervenuti solo i rappresentanti sindacali dei lavoratori. “Avevo chiesto- spiega  Baffi -di audire in commissione sia i rappresentanti sindacali che la proprietà dell’azienda per potere avere risposte certe sulla sorte dei  138 lavoratori,  97 dei quali hanno già ricevuto la lettera di licenziamento,  ma la proprietà  non ha accettato l’invito.   Ho sperato fino all’ultimo  si presentasse e ho chiesto fosse presente almeno un delegato della proprietà ma  non è stata ascoltata neppure questa richiesta. “

“Questo- continua Baffi- nonostante la situazione sia gravissima.  Nelfisk solo un anno fa aveva presentato un piano industriale in cui assicurava  che, a fronte di un trasferimento delle macchine  più piccole in Ungheria, avrebbe mantenuto a  Guardamiglio la produzione delle macchine per la pulizie delle strade.  Come hanno sottolineato i sindacati il piano non è stato rispettato in nessun modo nonostante il bilancio fosse in attivo e  la società fosse in crescita.  Anzi l’azienda ha annunciato, senza alcun preavviso  e in maniera unilaterale, la cessazione  dell’attività. La necessità ora è quella di mettere in campo  tutte le azioni possibili per  sostenere i  lavoratori e ottenere, nel caso della definitiva chiusura, l’attivazione della cassa integrazione per cessata attività, possibilità prevista  dal decreto Genova. La cassa integrazione potrà dare almeno un po di respiro ai lavoratori e alle loro famiglie per un anno. All’azienda chiediamo responsabilità sociale. Non è accettabile  una simile mancanza di legame con il territorio”.

“Quella di Nilfisk – conclude Baffi- è solo l’ultima  delle crisi aziendali che si stanno abbattendo sul lodigiano. I posti di lavoro a rischio sono più di 400 e il rischio di un impoverimento generale   si fa sempre più serio. E’ dovere di tutte le istituzioni adoperarsi perché questo non accada. Io  continuerò a fare la mia parte”.

Milano, 12 novembre 2018 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio