Archivio > COMUNICATO STAMPA

San Polo, arriva la conferma dei dati allarmanti: basta interventi sul territorio e subito il parco

AMBIENTE »

 

 


San Polo ferrari (pd): “dall’asl la conferma dei dati allarmanti. basta interventi sul territorio e subito il parco delle cave”

 

Questa mattina, in VI Commissione Ambiente del Consiglio regionale, si è tenuta l’audizione in merito alle problematiche ambientali di San Polo (Brescia), con i rappresentanti del Comitato spontaneo Anti nocività, che hanno dialogato con Arpa, Asl, Comune di Brescia, Provincia di Brescia e Direzioni regionali Ambiente e territorio. L’audizione si è dovuta interrompere prima della conclusione per consentire lo svolgimento della seduta di commissione alle 12.30. Ragion per cui si è deciso di riconvocare i soggetti ancora da ascoltare, in particolare Arpa e Direzione generale Ambiente, che non sono riusciti a intervenire.

“Aspettiamo la prossima seduta per dare una valutazione conclusiva – spiega Gianbattista  Ferrari, consigliere regionale del Pd –. Intanto abbiamo avuto dalla Asl di Brescia la conferma di dati molto preoccupanti sulla salute degli abitanti di San Polo e l’invito a un maggiore ascolto, da parte delle istituzioni, dei pareri dell’azienda sanitaria. È sempre più chiaro che è necessaria una valutazione complessiva di tutto il territorio. San Polo e Buffalora vedono una straordinaria concentrazione di elementi inquinanti: l’autostrada, la tangenziale, via Serenissima, la statale Goitese (via San Polo), l’Alfa Acciai, il termovalorizzatore poco lontano, i bitumifici, le cave attive e gli altri stabilimenti industriali, a cui si aggiungono le discariche in funzione e quelle dismesse e abbandonate come la ex cava Piccinelli con il problema del Cesio e del cromo esavalente. Senza dimenticare che Brescia è la terza città più inquinata d’Europa per la qualità dell’aria”.

Secondo Ferrari “a questo punto è evidente che il Comune di Brescia deve farsi carico di un problema non più rinviabile: bisogna subito dare corso al Parco delle Cave, al rimboschimento lungo tangenziale e autostrada, alle bonifiche delle aree inquinate e deve abbandonare il progetto della ‘Città dello Sport’, del nuovo stadio e del centro commerciale”.

Milano, 9 maggio 2012


Condividi questo articolo

Vedi anche: