Archivio > COMUNICATO STAMPA

Centrale a biomasse di Castel Goffredo: serve l'elenco delle aree idonee

AMBIENTE »

 

 


Castel Goffredo

PAVESI E VILLANI (PD): “serve l’elenco delle aree idonee. l’assessore lo stenda quanto prima assieme al bilancio delle biomasse”

 

Si è tenuta stamattina, mercoledì 9 maggio 2012, in VI Commissione Ambiente del Consiglio regionale, l’audizione in merito alla centrale a biomasse di Castel Goffredo con il Comune e il Comitato spontaneo di cittadini. Assente la Provincia, fatto stigmatizzato dai consiglieri del Pd.

“Considerata la situazione e la contrarietà degli abitanti di Castel Goffredo alla realizzazione della centrale – spiegano Giovanni Pavesi e Giuseppe Villani, consiglieri regionali del Pd –, abbiamo chiesto con forza all’assessore regionale all’Ambiente Raimondi di pubblicare quanto prima il documento che stabilisce le aree che in Lombardia sono idonee o non idonee a ospitare impianti a energia rinnovabile. Se, infatti, la Regione ha recepito con colpevole ritardo le linee guida dopo l’emanazione di quelle nazionali, non ha ancora reso noto l’elenco delle aree. E insistiamo molto su questo punto perché noi siamo fortemente favorevoli alle energie rinnovabili, ma non dove le strutture che le producono non tutelano la salute pubblica, le aree agricole, soprattutto di qualità, e le aree protette da vincoli naturali, paesaggistici e idrogeologici”.

Inoltre, a Raimondi, Pavesi – che pur non facendo parte della Commissione segue da vicino il tema dell’energia rinnovabile – e Villani chiedono pure di approvare dei criteri per l’elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia da biomasse, “proprio perché – fanno sapere – le biomasse stanno all’interno di un bilancio emissivo, che stabilisce, cioè, se è più o meno inquinante, e dunque conveniente, la presenza degli impianti sui territori lombardi. In questo può fare scuola l’Emilia Romagna che ha già individuato il modo per redigere questo fondamentale strumento che stabilisce l’opportunità o meno della costruzione degli impianti”.

Milano, 9 maggio 2012


Condividi questo articolo

Vedi anche: