Archivio > INTERROGAZIONE

Adozione tesserini e camici anonimi AO Poma di Mantova

SANITÀ »

 

 


Interrogazione con risposta scritta

Al Signor Presidente

del Consiglio regionale

Oggetto: adozione tesserini e camici anonimi AO Poma di Mantova

I sottoscritti consiglieri regionali,

venuti a conoscenza che l’Azienda Ospedaliera Poma di Mantova ha deciso di sostituire i tradizionali camici riportanti nome e cognome dei dipendenti con nuove divise anonime e nuovi tesserini identificativi recanti esclusivamente i nome proprio e l’iniziale del cognome di medici ed infermieri;

atteso che la normativa regionale a cui fa riferimento la Direzione della A.O. Poma per motivare questa scelta è risalente al 31 ottobre 2007 (“Determinazioni in ordine alla gestione del servizio sociosanitario regionale” n. VIII/5743) ed è riferita all’esercizio 2008, mentre le novità in materia di identificazione del personale sono state introdotte dall’Azienda Ospedaliera nel 2011;

visto che la circolare n. 3/2010 dell’ex Ministro Renato Brunetta “Articolo 55-novies del decreto legislativo n. 165 del 2001”, in merito all’identificazione del personale a contatto con il pubblico, cita espressamente come finalità della norma “la pronta individuabilità del soggetto interlocutore.” E reca testualmente: “La disposizione individua gli elementi per l'identificazione nel nominativo del dipendente. Si tratta di un contenuto minimo e l'amministrazione può valutare se e quando attuare l'identificazione anche attraverso ulteriori elementi soprattutto in riferimento al ruolo del soggetto nell'ambito dell'organizzazione: posizione professionale, profilo, qualifica se dirigente, ufficio di appartenenza.”;

considerato che questa iniziativa della Azienda Ospedaliera non garantisce “la pronta individuabilità del soggetto interlocutore” prevista dalla normativa Brunetta e lede il diritto del cittadino/paziente di conoscere l’identità dell’operatore sanitario a cui si rivolge;

interroga l’Assessore competente per sapere

Se è a conoscenza della iniziativa assunta dalla Direzione dell’AO Poma di Mantova;

Quanto è costata la sostituzione delle vecchie divise con quelle nuove anonime e il rifacimento di tutti i cartellini per l’intero personale sanitario dell’ospedale;

Se, considerato che non è stata fatta una richiesta specifica in tal senso da parte degli operatori sanitari, non ritenga questa spesa inopportuna soprattutto in questo periodo di pesanti tagli al settore sanità;

Se intende avallare l’iniziativa del D.G. di Mantova estendendo l’obbligo di anonimato per gli operatori sanitari di tutte le Aziende ospedaliere della Lombardia.

Giovanni Pavesi

Milano 23 maggio 2012


Condividi questo articolo

Vedi anche: