Archivio > COMUNICATO STAMPA

Fondi sociali, urgente ripristinare i tagli e serve più certezza nella programmazione dei servizi

POLITICHE SOCIALI »

 

 


Fondi sociali

BARBONI(PD): “E’ URGENTE RIPRISTINARE I TAGLI E SERVE PIU’ CERTEZZA NELLA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI”

 

Stamattina centinaia di persone sono arrivate da tutta la Lombardia e hanno gremito piazza Duca d’Aosta, a Milano, sotto il Pirellone per chiedere al Governo e a Regione Lombardia di ripristinare i tagli sui fondi sociali (quello per la Non Autosufficienza e quello per Politiche Sociali) e di destinare l’aggiunta di risorse al finanziamento dei progetti di vita indipendente e di presa in carico per i cittadini che si rivolgono ai servizi socio assistenziali. 

“Inconcepibile che tutti gli anni si arrivi ad un bilancio di previsione che taglia i fondi regionali al sociale salvo poi recuperarli in variazione di bilancio sull’onda delle proteste dell’opposizione o dei rappresentanti delle categorie più deboli come le persone con disabilità che oggi erano in piazza” hanno detto i consiglieri regionali del Pd presenti alla manifestazione commentando l’annuncio dell’Assessore Boscagli del ripristino di 30 milioni di euro tagliati sul bilancio 2012.

“In un momento di crisi come questo non tutti i tagli sono uguali. Certi tagli fanno più male quando a farne le spese sono persone che già fanno più fatica. Il ripristino dei 30 milioni non è sufficiente, chiediamo si faccia di più. E’ necessario inoltre distribuire queste risorse ai comuni in una visione meno centralistica – sottolinea il consigliere del Pd Mario Barboni - . Tra l’altro ancora non abbiamo garanzie su quando e come verranno distribuiti questi fondi”.

Il meccanismo del ripristino dei fondi in corso d’anno secondo i manifestanti non permette la corretta programmazione dei servizi e mette in difficoltà l’erogazione dei servizi anche da parte dei comuni.

“Le risorse necessarie - puntualizza Mario Barboni - possono essere reperite anche attraverso una più attenta politica di risparmio nel bilancio sanitario nel quale negli ultimi anni si sono annidati molti sprechi (come dimostrano il caso di San Raffaele e Maugeri) e soprattutto nell’ottica di una sanità e un welfare che rappresentano le due facce complementari di un unico settore”.

Milano, 13 giugno 2012


Condividi questo articolo

Vedi anche: