Archivio > COMUNICATO STAMPA

Ospedale di Bergamo: basta annunci, impensabile allungare ancora i tempi

SANITÀ »

 

 


Ospedale di Bergamo

L'assessore Bresciani conferma inizio trasloco per fine ottobre e piena operatività della Trucca per fine anno.

PD, basta annunci, impensabile allungare ancora i tempi

 

Questa mattina l'assessore regionale alla Sanità ha risposto all'interrogazione urgente presentata dai consiglieri regionali del Pd Maurizio Martina e Mario Barboni circa lo stato della situazione del nuovo Ospedale di Bergamo, anche alla luce dell'appello al territorio presentato nei giorni scorsi dalle organizzazioni sindacali. Rispetto ai quesiti posti l'assessore Bresciani ha ribadito che il trasloco da Largo Barozzi inizierà alla fine di Ottobre e che la piena operatività del nuovo sito e' prevista per fine anno. Questo, nonostante il quadro delle certificazioni necessarie sia ancora molto complicato e incerto. Sul fronte della continuità assistenziale in questo delicato periodo di passaggio l'assessore ha rassicurato circa la piena operativa dei servizi e a ribadito la collaborazione dell'azienda ospedaliera e della Regione agli organismi preposti alle verifica legali di tutti gli atti. "Prendiamo atto delle parole dell'assessore e ci auguriamo che i tempi ripresentati oggi vengano davvero rispettati una volta per tutte. Non servono più annunci. Insistiamo perché la Giunta regionale si occupi di più e meglio della situazione del nuovo ospedale di Bergamo. Sappiamo bene che le professionalità dei lavoratori dell'azienda ospedaliera sono in campo con la massima competenza e attenzione. Ma per evitare altri problemi ora è necessario un grande lavoro corale da parte di tutte le istituzioni preposte. Già oggi tempi e costi della nuova struttura sono radicalmente cambiati rispetto a quanto previsto. Bisogna evitare che il danno subìto fino a qui diventi una vera e propria beffa per la comunità bergamasca" dicono i due consiglieri bergamaschi del Pd.

Milano, 2 ottobre 2012


Condividi questo articolo

Vedi anche: