Archivio > COMUNICATO STAMPA

PGT: niente proroghe per i 67 comuni bergamaschi

TERRITORIO »

 

 


PGT, niente proroghe per i 67 comuni bergamaschi

Barboni e Martina (Pd): 400 comuni lombardi in queste condizioni, colpa di una politica sbagliata voluta da Pdl e Lega

Milano, 20 dicembre 2012 - Non ci saranno ulteriori proroghe per i comuni che non avranno approvato il Pgt entro il 31 dicembre 2012. Di fatto non saranno possibili nuovi interventi, anche su aree previste come edificabili nel piano regolatore vigente, fino a che il consiglio comunale non avrà approvato definitivamente il nuovo strumento urbanistico. La Giunta regionale aveva tentato di modificare fuori tempo massimo e per l’ennesima volta i termini della legge urbanistica, ma ieri, con il Consiglio in ordinaria amministrazione, la maggioranza di centrodestra è riuscita unicamente ad approvare in un provvedimento omnibus una norma minimale e comunque a forte rischio di impugnazione. Il Pd ha votato contro.

“Con il voto di ieri – dichiarano in merito il consiglieri regionali del PD Mario Barboni e Maurizio Martina - la Regione ha cercato di correggere fuori tempo massimo gli effetti di una legge urbanistica inadeguata. Dopo sette anni e mezzo dalla sua approvazione ci sono in Lombardia oltre 400 comuni su 1500 che non sono stati in grado di approvare il piano di governo del territorio e di questi 67 sono in provincia di Bergamo. Se tante amministrazioni, di diverso segno, si trovano in queste condizioni, significa che qualcosa in Regione non ha funzionato. Peraltro saranno beffate quelle amministrazioni che si erano fidate delle rassicurazioni della vecchia giunta che aveva promesso una proroga a chi avesse almeno adottato il Pgt, cioè approvato in prima lettura, entro la fine dell’anno. Ma a una cattiva legge e a una cattiva politica urbanistica, frutto delle scelte di Pdl e Lega, non si può certo rimediare con un provvedimento approvato in fase di ordinaria amministrazione, con la concreta possibilità che sia dichiarato illegittimo. Ora i comuni saranno in grave difficoltà e il settore dell’edilizia, già in forte calo, subirà un ulteriore riduzione, con inevitabili ricadute sull’ampio indotto che coinvolge artigiani e professionisti.”

Ecco i comuni della provincia di Bergamo che non hanno ancora adottato il Piano di Governo del territorio (dato agosto 2012)

ALGUA

ALMENNO SAN SALVATORE

AMBIVERE

ARDESIO

AVERARA

AVIATICO

AZZONE

BARBATA

BARIANO

BEDULITA

BLELLO

BRACCA

CAPRINO BERGAMASCO

CARAVAGGIO

CAROBBIO DEGLI ANGELI

CARONA

CASAZZA

CASSIGLIO

CASTELLI CALEPIO

CAVERNAGO

CAZZANO SANT`ANDREA

CHIGNOLO D`ISOLA

CISANO BERGAMASCO

CISERANO

CORTENUOVA

COSTA DI SERINA

CUSIO

ENTRATICO

FILAGO

FINO DEL MONTE

FOPPOLO

FORESTO SPARSO

FUIPIANO VALLE IMAGNA

GANDELLINO

GEROSA

GORLE

GORNO

GRONE

ISOLA DI FONDRA

ISSO

LENNA

LOCATELLO

LURANO

MONASTEROLO DEL CASTELLO

ONORE

ORIO AL SERIO

ORNICA

PAGAZZANO

PARZANICA

PIAZZATORRE

PIAZZOLO

PONTIDA

RANZANICO

ROVETTA

SAN GIOVANNI BIANCO

SAN PELLEGRINO TERME

SANTA BRIGIDA

SELVINO

SERINA

TORRE BOLDONE

TRESCORE BALNEARIO

VALBONDIONE

VALGOGLIO

VALLEVE

VALSECCA

VEDESETA

VILLA DI SERIO


Condividi questo articolo

Vedi anche: