Archivio > COMUNICATO STAMPA

Revocare l'iniquo provvedimento dell'inps contro gli invalidi civili

POLITICHE SOCIALI »

 

 


GIRELLI: revocare l’iniquo provvedimento dell’inps contro gli invalidi civili

Con la circolare nr. 149 del 28 dicembre scorso l’INPS ha deciso, in assenza di qualsiasi normativa o indirizzo di natura politica del Governo o del Parlamento, di togliere la pensione di invalidità di  275,87 euro al mese a chi ha un reddito familiare superiore ai 16.127,30 euro lordi annui, calcolando, diversamente dal passato, non più il solo reddito personale della persona invalida ma anche quello del coniuge.

Ciò significa, secondo l’istituto di previdenza diretto dal milionario Presidente Antonio Mastrapasqua, che un disabile con il 100% di invalidità e il suo coniuge possono vivere in due con 1.343 euro lordi al mese.

Il consigliere regionale Gian Antonio Girelli ha dichiarato che “il  provvedimento non solo è inaccettabile per la forma adottata dall’INPS in assenza di una decisione del Governo, ma è  iniquo sul piano della sostanza perché aumenterà, anche in Lombardia, il numero delle persone che entreranno nella spirale della povertà”.

Girelli, che nella breve legislatura regionale ha presentato un progetto di legge per contrastare il fenomeno della povertà in Lombardia, ha aggiunto “sosterrò le battaglie delle associazioni dei disabili e delle organizzazioni sindacali per sollecitare un intervento risolutivo del Ministro Elsa Fornero presso l’INPS per revocare da subito la circolare. Il tema della disabilità e del sostegno alle famiglie è uno dei temi più importanti nell’agenda politica del PD regionale”.

Brescia, 11 gennaio 2013


Condividi questo articolo

Vedi anche: