Archivio > COMUNICATO STAMPA

Maroni ha presentato oggi al Consiglio regionale il suo programma di legislatura

ISTITUZIONI E POLITICA »

 

 


Maroni ha presentato oggi al Consiglio regionale il suo programma di legislatura

Nota di Villani (PD): una lista generica di buone intenzioni mentre in Provincia di Pavia rimangono i soliti problemi

Sul caso ex Fibronit di Broni il tempo delle parole deve terminare

A seguito della seduta odierna del Consiglio regionale durante il quale il presidente Roberto Maroni ha illustrato il suo programma di legislatura il consigliere regionale del PD Giuseppe Villani esprime le proprie considerazioni in una nota.

“Oggi in Consiglio Regionale – dichiara Villani - il Presidente Roberto Maroni ha presentato il suo programma per la nuova legislatura in Lombardia. Due gli aspetti più evidenti: il primo riguarda la mancanza di coraggio nell’avviare una fase di vera discontinuità con il passato recente che ha contraddistinto il centrodestra in Lombardia, non certo edificante, ed il secondo evidenzia la debolezza della risposta complessiva alle esigenze di sviluppo sostenibile della nostra Regione.

In particolare gli aspetti territoriali e ambientali - quali la bonifica dei siti inquinati, il non consumo di suolo, lo sviluppo delle energie rinnovabili rispettose dell’ambiente, le misure strutturali per migliorare la qualità dell’aria e delle acque superficiali, il sistema moderno ed innovativo nel trattamento dei rifiuti e, ridotto in poche righe, un impegno programmatico per eliminare l’amianto presente negli edifici pubblici e privati in Lombardia - sono state liquidati in capitoletti scarni. Non esiste, inoltre, nel programma del centrodestra in Regione Lombardia, a differenza di quanto avviene nel resto d’Europa, poca o quasi nessuna attenzione alla Green Economy, come strumento per uscire dalla crisi e per uno sviluppo sostenibile.

Tutto questo si riflette sulla nostra Provincia dove i problemi rimangono immutati e le risposte concrete tardano ad arrivare. In particolare sulla bonifica dell’ex Fibronit non possono essere più tollerati ulteriori ritardi. Maroni nella replica finale ha parlato di un generico impegno per la bonifica bronese. E’ necessario, invece, che il Presidente dia risposte precise alla lettera inviatagli alcuni giorni fa, dove l’Amministrazione Comunale e tutte le forze politiche di Broni assieme alle Associazioni Ambientaliste, chiedevano a Regione Lombardia un incontro istituzionale e soprattutto un intervento finanziario  diretto o, quantomeno un’ anticipazione per gli interventi necessari ad ultimare la bonifica dell’area Fibronit. Da parte mia riconfermo il mio impegno sui temi territoriali e ambientali della nostra Provincia e in particolare sul caso amianto, così come ho fatto nei giorni scorsi assicurando il mio interessamento ai firmatari della lettera per la bonifica di Broni, dando seguito al lavoro compiuto nei mesi e negli anni passati, che ha fruttato l’importante approvazione di una nuova legge regionale di cui sono primo firmatario”.

Milano, 4 aprile 2013


Condividi questo articolo

Vedi anche: