Archivio > COMUNICATO STAMPA

Maltempo, l'assessore è d'accordo, se ne parlerà in commissione il 5 giugno

AGRICOLTURA »

 

 


Maltempo

CARRA (PD): “L’ASSESSORE D’ACCORDO CON LE NOSTRE RICHIESTE: SE NE PARLA IN COMMISSIONE AGRICOLTURA IL 5 GIUGNO”

 

“L’assessore regionale all’agricoltura Fava ha sostanzialmente accolto il contenuto della nostra mozione urgente sui danni che il maltempo ha provocato alle imprese agricole. E ha confermato che il 5 giugno il documento verrà discusso in VIII Commissione Agricoltura, dopo aver ascoltato le associazioni di categoria e le Province”. E’ soddisfatto Marco Carra, consigliere regionale del Pd e capogruppo in Commissione Agricoltura, dopo l’intervento di oggi, martedì 28 maggio 2013, dell’assessore in Consiglio regionale, sollecitato proprio dal Pd.

Carra ne ha spiegato i motivi: “Abbiamo depositato la mozione il 21 maggio, a seguito della richiesta dello stato di calamità da parte delle associazioni agricole, le quali indicavano una stima prudenziale di almeno il 30% di prodotto lordo non vendibile”. Oltre a rendere noti i dati del disastro agricolo, il documento chiede di impegnare la Giunta regionale “ad avviare immediatamente le procedure per la dichiarazione dello stato di calamità nelle aree più colpite della Lombardia e a effettuare con la massima urgenza una puntuale ricognizione e stima dei danni, al fine di poter valutare, con il coinvolgimento della VIII Commissione Agricoltura, ogni ulteriore intervento pubblico che si dovesse rendere necessario”.

Senza contare che intanto il maltempo sta proseguendo peggiorando una situazione già critica.

La Commissione ha calendarizzato la discussione del punto per mercoledì 5 giugno, ma nel frattempo, venerdì scorso, proprio l’assessore Fava comunicava di aver chiesto alla Giunta di deliberare lo “stato di crisi”. Il Gruppo regionale del Pd – depositando stamattina all’ordine del giorno del Consiglio la stessa mozione urgente – ha, dunque, immediatamente chiesto al responsabile regionale dell’agricoltura lombarda di venire, in Aula, a riferire sull’iter della richiesta di stato di calamità e a spiegare come mai si fosse ipotizzato di deliberare prima sullo stato di crisi, e in tal caso perché non si fosse fatto subito.

“Insomma, ci pareva importante avere delle precisazioni dall’assessore su cosa sta facendo realmente la Giunta e se le procedure sono state avviate – aggiunge Carra –. Fava ha spiegato passo passo come si sta muovendo il suo assessorato e dicendo le stesse cose che, in sostanza, sono contenute nella nostra mozione”. Il documento è, dunque, stato ritirato, in attesa della seduta di commissione del 5 giugno.

Milano, 28 maggio 2013


Condividi questo articolo

Vedi anche: