Archivio > COMUNICATO STAMPA

Bus dei frontalieri: l'assessore Del Tenno intervenga per ripristinare immediatamente il servizio

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


Bus dei frontalieri, Rosati (PD): “L’assessore Del Tenno intervenga per ripristinare immediatamente il servizio”

Questo pomeriggio in Commissione speciale Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province Autonome si è tenuta l’audizione voluta dai consiglieri regionali del PD Alessandro Alfieri e Luca Gaffuri in merito caso del sequestro dell’autobus della società Autolinea Mendrisiense SA (AMSA) che fino a dicembre effettuava regolarmente servizio di trasporto transfrontaliero tra Capolago in Canton Ticino e Porto Ceresio in provincia di Varese. Presenti Giorgio Ciancetti e Domenico Carcillo, rispettivamente sindaco e  vicesindaco di Porto Ceresio, e il promotore della petizione popolare Giorgio Iacuzzo i quali hanno esposto le loro perplessità sulle modalità di sequestro del bus e la loro preoccupazione per un servizio, essenziale per la comunità , interrotto senza una data certa di ripristino.

“L’audizione è stato un importante momento di confronto con i soggetti interessati dalla vicenda – spiega il consigliere regionale del Pd segretario della Commissione speciale Onorio Rosati – ha confermato l’importanza strategica che riveste il bus per coloro che quotidianamente si spostano tra la Lombardia e la Svizzera dall’altro e anche come ponte di collegamento tra le stazioni ferroviarie di Capolago, sulla direttrice Bellinzona- Chiasso-Como-Milano, e di Porto Ceresio, terminale della linea per Varese, Gallarate e Milano. Assieme alla presidente di Commissione predisporremo una lettera indirizzata all’assessore regionale ai Trasporti Del Tenno chiedendo un suo intervento urgente affinché sia rilasciato un permesso provvisorio che consenta di riprendere il servizio immediatamente in attesa che sia identificata la soluzione definitiva con la stipula di un accordo bilaterale in materia di trasporti pubblici su gomma di carattere transfrontaliero simile a quello che la Confederazione elvetica ha sottoscritto con Austria, Francia e Germania”.

Milano, 6 febbraio 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche: