Archivio > COMUNICATO STAMPA

Gruppo Lactalis a Caravaggio, solidarietà al presidio di protesta

LAVORO »

 

 


Gruppo Lactalis a Caravaggio

ALLONI, BARBONI E SCANDELLA (PD): “solidarieta’ al presidio di protesta: il futuro dell’agricoltura messo in dubbio. allevatori in difficolta’”

Agostino Alloni, Mario Barboni e Jacopo Scandella, consiglieri regionali del Pd, hanno partecipato oggi, venerdì 7 febbraio 2014, al presidio davanti allo stabilimento di Caravaggio del Gruppo Lactalis, che raggruppa i più importanti marchi del settore lattiero-caseario in Italia, ovvero Galbani, Invernizzi, Cademartori, Locatelli, Président.

I tre consiglieri hanno voluto essere accanto ai lavoratori in una giornata di protesta contro l’annunciato piano di riorganizzazione del gruppo che interverrebbe in modo drastico sulla struttura, chiudendola e trasferendo gli oltre 200 lavoratori in altre sedi lombarde, scelta criticata dai sindacati come inaccettabile.

“Ieri abbiamo chiesto che si calendarizzi urgentemente un’audizione in IV Commissione Attività produttive delle rappresentanze sindacali degli stabilimenti di Caravaggio e Introbio – ricordano Alloni, Barboni e Scandella –. Oggi siamo stati accanto ai lavoratori per testimoniare che la situazione che si sta creando è grave perché si tratta dell’ennesimo annuncio di dismissione da parte di una multinazionale”.

Non solo: “Proprio ieri pomeriggio, durante il convegno, organizzato da noi del Pd, sulla Pac, la Politica agricola comune, è emerso il dato di quanta importanza l’Europa, gli Stati membri e le Regioni dovranno dare, nei prossimi anni, proprio al settore dell’agroalimentare. E il Gruppo Lactalis, in Italia, rappresenta l’eccellenza dei marchi del lattiero-caseario”, aggiungono i tre consiglieri Pd. “Con queste scelte vengono messi in difficoltà non solo i lavoratori, ma anche i produttori di latte di tutta la zona, che, dalla bergamasca e dal cremonese, conferiscono proprio allo stabilimento di Caravaggio”.

Milano 7 febbraio 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche: