Archivio > COMUNICATO STAMPA

Broni-Mortara: grazie all'opposizione la Regione dovrà tener conto del parere del territorio

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


Broni – Mortara, Villani (PD): grazie all’opposizione la Regione dovrà tener conto del parere del territorio

Mozione bipartisan approvata in Regione, deciso l’impegno anche per il ponte della Becca e per la Fibronit

Il Consiglio regionale ha approvato questo pomeriggio a larga maggioranza una mozione che impegna la Giunta ad affrontare le maggiori criticità della provincia di Pavia. Dopo un confronto serrato, nel quale il PD con Giuseppe Villani ha proposto modifiche sostanziali al testo originariamente firmato solo da Melazzini (NCD) e Ciocca (Lega), si è arrivati a un voto condiviso, con il solo voto contrario del Movimento 5 Stelle.

“Il confronto ha dato buoni frutti – dichiara Villani - il più importante dei quali è l’aver disinnescato il sostanziale sostegno che il testo originale dava alla costruzione della Broni Mortara. L’aver messo nero su bianco che si deve tener conto dei territori interessati, la cui opinione è notoriamente contraria, e l’aver tolto il riferimento all’avanzamento dei lavori è certamente un buon risultato”.

“Positivo anche – aggiunge il consigliere regionale del PD - l’aver inserito tra gli indirizzi, sempre su proposta dell’opposizione, la completa bonifica della Fibronit e l’attuazione del piano regionale di smaltimento dell’amianto e, inoltre, gli interventi strutturali, oltre alla manutenzione straordinaria, sul ponte della Becca, per il quale è pronto un progetto di nuovo ponte, e sugli altri ponti di Bressana, della Gerola e sul ponte di barche di Bereguardo. Infine, abbiamo impegnato la giunta a fare proprio il contenuto dell’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio provinciale di Pavia per il rafforzamento degli organici del San Matteo e delle altre strutture sanitarie pavesi. Su richiesta del PD questi impegni andranno tradotti dalla Giunta nella propria programmazione economica e finanziaria. Possiamo essere soddisfatti e francamente ci sfugge la ragione per cui la consigliera Nanni abbia deciso di votare contro”.

Milano, 18 marzo 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche: