Archivio > COMUNICATO STAMPA

Sovraffollamento Pronto Soccorso di Varese: dopo due mesi nulla è cambiato

SANITÀ »

 

 


Sovraffollamento Pronto soccorso Varese

Alfieri (PD): “A due mesi dalla visita/show di Mantovani nulla è cambiato. La Regione intervenga presto e senza proclami”

A due mesi dalla visita a sorpresa al Pronto soccorso di Varese dell’Assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani, il segretario regionale del PD Alessandro Alfieri commenta così il persistere di una situazione che lo stesso vice-presidente della Regione aveva definito ‘non degna della Lombardia’. “Nella sua visita/show – dichiara Alfieri – Mantovani ha usato toni durissimi contro il sovraffollamento del Pronto soccorso varesino e si era assunto l’impegno di intervenire per risolvere il tutto entro i primi mesi dell’anno. Purtroppo in questi due mesi la situazione non si è risolta. Anzi. Persistono tutte le criticità che rendono difficile il lavoro di medici e infermieri e si traducono in tempi di attesa troppo lunghi per il passaggio dall’urgenza al reparto. O la visita di Mantovani è stata una farsa, oppure l’Assessore non conta nulla. C’è invece la necessità di intervenire in tempi brevi, e senza proclami. Nell’immediato serve più personale ai reparti per poter utilizzare al meglio tutti i posti letti disponibili, poi servirà ripensare anche il sistema di emergenza/urgenza che ruota intorno all’ospedale del Circolo”.

Milano, 2 aprile 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche: