Archivio > COMUNICATO STAMPA

Eusalp, un sostegno alla montagna: la Regione si faccia parte attiva

ISTITUZIONI E POLITICA »

 

 


Eusalp

BARBONI (PD): “UN SOSTEGNO ALLA VITA E ALLE ATTIVITÀ IN MONTAGNA. REGIONE SI FACCIA PARTE ATTIVA”

È stata approvata oggi, martedì 14 ottobre 2014, in Consiglio regionale, la risoluzione che rappresenta il contributo dell’assemblea alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea ‘Una strategia Ue per la Regione alpina (Eusalp)’. Il documento intende individuare, insieme a istituzioni, istanze sociali e cittadinanza dei territori interessati, le linee di azione della nascente macroregione europea delle Alpi.

Accolti già in sede di Commissione gli emendamenti al testo della risoluzione che il Gruppo del Pd ha proposto e che “intendevano mettere in risalto, all’interno della strategia macroregionale, l’attenzione che deve essere riservata alle aree specificamente montane”, fa sapere Mario Barboni, consigliere regionale del Pd.

Tra le proposte, “frutto delle riflessioni avviate negli scorsi anni dai gruppi consiliari del Pd delle regioni e province autonome alpine – prosegue Barboni –, vi sono il sostegno alla permanenza delle attività economiche e alla residenzialità in montagna, una compensazione delle maggiori difficoltà che richiede gestire servizi e mantenere il territorio in area montana, quindi anche il riconoscimento del contributo che l’agricoltura di montagna fornisce nell’interesse generale alla cura e conservazione del paesaggio e alla prevenzione dei rischi naturali”.

Secondo il consigliere Pd “Eusalp deve e può fornire le risposte necessarie alle sfide che da sempre le regioni alpine devono affrontare: i grossi mutamenti strutturali in agricoltura e turismo, il divario digitale, la protezione dell’ambiente, la qualità della vita delle zone alpine e non ultimo uno sviluppo economico che possa consentire non solo la permanenza in montagna, ma anche una dignitosa indipendenza economica. La facilitazione e lo sviluppo della mobilità sia delle merci che delle persone saranno anch’esse una priorità”.

E alla Regione, Barboni ha chiesto di “sostenere il rafforzamento dei servizi di interesse regionale, la valorizzazione coordinata delle eccellenze alpine, lo stimolo all’occupazione e alla permanenza della gente di montagna nei propri territori, il miglioramento e il rafforzamento dell’intermodalità e dell’operabilità nel settore del trasporto, l’aumento dell’efficienza energetica e la produzione delle energie alternative e rinnovabili, la gestione sostenibile ed efficiente delle risorse naturali e culturali, la gestione dei rischi territoriali e idrogeologici”.

Milano, 14 ottobre 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche: