Archivio > COMUNICATO STAMPA

Trenord, Sorte risponde sui problemi di acquisto dei biglietti delle linee per il Ticino

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


Trenord, Gaffuri(PD): “L’assessore Sorte risponde sui problemi di acquisto dei biglietti delle linee dalla Lombardia per il Ticino”

Giovedì pomeriggio in Commissione Trasporti l’assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Sorte ha risposto in forma scritta all’interpellanza presentata dal consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri in merito al servizio di vendita dei titoli di viaggio della linea ferroviaria Como - Albate Camerlata – Stabio e per le destinazioni verso il Canton Ticino. “Una delle problematiche che abbiamo posto all’attenzione dell’assessore – spiega Gaffuri - riguarda la possibilità di comprare i biglietti per le tratte che collegano la Lombardia al Canton Ticino soltanto in una decina di stazioni gestite da Trenitalia. Il sistema informatico di Trenord, al contrario, non riesce a gestire questa operazione perché è obsoleto. Si riteneva di poter risolvere la questione nel dicembre scorso con l’avvio del servizio ferroviario per Stabio ma l’assessore ci ha comunicato che sarà pronto a giugno 2015,  ad Expo già iniziato”.

Stessa sorte per l’acquisto dei biglietti ferroviari da Como San Giovanni in direzione Ticino, anche in modalità online sul sito di Trenord e del Tilo.  “L’assessore Sorte ci ha spiegato che in questi mesi si è provveduto all’aggiornamento del software Trenord – continua l’esponente del Pd – operazione che dovrebbe concludersi entro settembre 2015. Il programma consentirà di gestire anche la vendita della tariffa Tilo, ancora oggi oggetto di discussione dei tavoli dell’Accordo dei Castelli perché tutt’oggi manca un accordo con le Ferrovie federali svizzere. Vorrei ricordare però – conclude Gaffuri – che l’accordo in materia di trasporto ferroviario tra Regione Lombardia e Canton Ticino venne siglato nel 2011. A distanza di tre anni a servizi già avviati non si è riusciti ancora a trovare un’intesa sulle tariffe”.

Milano, 2 aprile 2015

 


Condividi questo articolo

Vedi anche: