Archivio > ODG

Pot Casorate

SANITÀ »

 

 


 

O R D I N E D E L G I O R N O

PDL 275

Bilancio di previsione 2016/2018

Oggetto: finanziamento progetto presidio Ospedaliero Territoriale di Casorate Primo (PV)

Il Consiglio regionale

preso atto che

- con la dgr X/1521 del 20 marzo 2014 è stato avviato un percorso per l’evoluzione della rete ospedaliera regionale con l’individuazione di due distinte tipologie di presidi ospedalieri, uno rivolto in modo specialistico alle acuzie e l’altro maggiormente orientato alle cure territoriali;

- con la stessa Dgr, è stato dato avvio ad un programma per la sperimentazione di Presidi Ospedalieri Territoriali (POT), con l’obiettivo di: rispondere efficacemente ai bisogni sanitari dei malati affetti da patologie croniche attraverso la riorganizzazione funzionale della rete ospedaliera per acuti; favorire l’integrazione dei percorsi di cura per la presa in carico del paziente cronico attraverso la condivisione di risorse umane e tecnologiche tra diversi ambiti di cura; valorizzare il patrimonio immobiliare esistente finalizzandolo ai bisogni sanitari emergenti;

- per accedere al programma sopracitato le Aziende Ospedaliere avevano l’obbligo presentare dei progetti di riqualificazione di strutture già esistenti e accreditate, corredati da una relazione dell’Azienda Sanitaria Locale competente a supporto della trasformazione dell’attuale situazione e del futuro assetto, e con una previsione di spesa non superiore ai tre milioni di euro;

considerato che

- l’Azienda ospedaliera di Pavia, in data 9 aprile 2014, ha depositato presso la Direzione Generale Salute di Regione Lombardia il progetto per avviare la sperimentazione POT presso l’Ospedale “Carlo Mira” di Casorate Primo (PV);

- i Presidi Ospedalieri Territoriali sperimentali dovranno essere dotati degli strumenti necessari ad assicurare la gestione del paziente cronico al di fuori dei momenti di emergenza e di acuzie, per esempio con un punto prelievi, servizi diagnostici di base, cura e riabilitazione, il tutto funzionale ad una completa gestione della cronicità da parte del territorio senza dover necessariamente ricorrere al ricovero ospedaliero;

- l’adeguamento impiantistico, strutturale e tecnologico della struttura di Casorate Primo (PV) – che da cronoprogramma lavori si potrebbe concludere in 15 mesi - è indispensabile per rendere i locali funzionali all’organizzazione e alle necessità assistenziali e prevede un impegno di spesa complessivo di 3.000.000 euro (comprensivi di opere edili ed affini, opere impiantistiche, oneri di sicurezza, IVA, spese tecniche, arredi/attrezzature);

- il progetto del POT di Casorate Primo (PV) risponde ai requisiti previsti dalla Giunta regionale e cioè l’impatto economico dell’intervento di riqualificazione non superiore a 3.000.000 euro, l’impatto sul territorio, l’impatto organizzativo, l’efficienza del processo erogativo e di risorse, efficacia delle prestazioni rese al paziente e forme di integrazione sanitaria e sociosanitaria;

evidenziato che

la legge regionale 23/2015 Evoluzione del Sistema Sociosanitario Lombardo: modifiche al Titolo I e al Titolo II della legge regionale 30 dicembre 2009, n.33 “Testo unico delle leggi regionali in materia di Sanità”, nella riorganizzazione della rete sociosanitaria, promuove, quale assetto del settore territoriale delle Asst, l’articolazione in Presidi Ospedalieri Territoriali;

impegna la Giunta regionale

a prevedere nel Bilancio 2016/2018 le risorse necessarie per finanziare entro l’anno l’adeguamento impiantistico, strutturale e tecnologico per rendere operativo il progetto del Presidio Ospedaliero Territoriale di Casorate Primo (PV).

Milano, 21 dicembre 2015

Giuseppe Villani


Condividi questo articolo

Vedi anche: