Archivio > COMUNICATO STAMPA

Salice Terme: convocare la proprietà e conoscere gli obiettivi

LAVORO »

 

 


 

Terme di Salice

VILLANI (PD): “convocare la proprietà e conoscere gli obiettivi a tutela dei lavoratori e del territorio”

 

“Avere a questo tavolo anche la proprietà di Terme di Salice per capire quali sono le scelte e gli obiettivi e se questi coincidono con lo sviluppo del territorio e con i diritti dei lavoratori: questa è la priorità del momento” ha detto il consigliere Pd Giuseppe Villani, oggi, durante l'audizione che si è svolta in Commissione IV Attività produttive, in Consiglio regionale per far luce sulla crisi aziendale della società termale pavese. All'audizione erano presenti, oltre ai commissari e ai consiglieri del territorio, anche i rappresentanti degli enti locali e i sindacati.

L'economia del territorio pavese afferente al distretto termale Salice-Rivanazzano è incentrata prevalentemente sul termalismo e sul turismo, per questo, la situazione dell'azienda che gestisce gli stabilimenti, di proprietà della “Oltrepo Terme Resort srl” di Milano, che risulta essere inattiva e che ha chiuso il bilancio 2014 con una perdita di 1,7 milioni di euro, preoccupa le rappresentanze dei lavoratori e gli amministratori locali. Anche i bilanci degli ultimi 10 anni hanno chiuso quasi sempre con forti perdite, come risulta dai dati ARIFL e i 40 lavoratori assunti lamentano un ritardo continuo nelle retribuzioni, tuttavia non sono state aperte procedure per la richiesta di ammortizzatori sociali.

“E' importante capire, attraverso l'audizione della proprietà che abbiamo richiesto, come Commissione, già dalla prossima settimana, cosa c'è dietro la costituzione della Newco da poco annunciata e qual'è il piano industriale, onde evitare speculazioni sulla pelle dei lavoratori e a spese del territorio – spiega il consigliere Pd – Essendo Terme di Salice una società convenzionata con il Sistema sanitario regionale, sarà opportuno audire anche l'Ats Pavia e la Dg Sanità e Welfare regionale, dal momento che Regione Lombardia è un attore in campo”.

 

Milano, 5 maggio 2016


Condividi questo articolo

Vedi anche: