Archivio > COMUNICATO STAMPA

Nuovo Robbiani di Soresina a rischio?

SANITÀ »

 

 


 

"NUOVO ROBBIANI" DI SORESINA A RISCHIO? INTERROGAZIONE IN REGIONE DI AGOSTINO ALLONI (PD)

"IMPORTANTE CHE SI MANTENGANO GLI IMPEGNI E PARTA LA  SPERIMENTAZIONE DEL P.O.T.”

 

La Regione intervenga per garantire un futuro al “Nuovo Robbiani” di Soresina. Lo chiede con un'interrogazione al presidente Roberto Maroni, assessore ad interim alla sanità, il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni, facendo riferimento alla vicenda ancora irrisolta del Presidio ospedaliero territoriale (P.O.T.).

Il nuovo Robbiani, scrive Alloni, è un presidio sanitario inaugurato il 30 novembre 2013 che serve un bacino d'utenza di 35mila abitanti e che è costato 17 milioni di euro, in parte del pubblico e in parte del privato. È una struttura che ospita un poliambulatorio con diverse specialità, un centro per sub-acuti da 30 letti, un punto prelievi, una sala operatoria per interventi in day-surgery, un consultorio familiare, ambulatori di medici di medicina generale e altro ancora. Ciò che ancora non c'è, e che rischia di sparire, è invece il P.O.T. (20 posti letto per i pazienti cronici), effettivamente mai partito nonostante il Nuovo Robbiani fosse uno dei quattro presidi lombardi oggetto di sperimentazione, come definito da due delibere regionali del 2014 e del 2015. Il problema vero è il finanziamento, senza il quale il POT non può partire e la cui incertezza ha già determinato da parte del presidio il licenziamento di undici operatori. E il passaggio dall'azienda ospedaliera di Crema all'ASST di Cremona, in questa fase un po' complicata, desta ulteriori preoccupazioni di cui Alloni chiede conto all'assessore/presidente nell'interrogazione appena depositata.

“Il Nuovo Robbiani è al centro di un territorio al confine tra Cremasco e Cremonese che non è ben collegato con le due città – spiega Alloni - dunque è evidente che il presidio sanitario sia molto importante. Il licenziamento degli undici operatori ci preoccupa molto, anche come campanello d'allarme di una situazione che rischia di sfuggire di mano. Se non si danno garanzie al più presto di continuità del progetto del POT (con i previsti 20 posti letto) ad essere in difficoltà sarà tutta la struttura sanitaria del "Nuovo Robbiani"! La Regione deve chiarire se intende ancora investire su questa sperimentazione tra pubblico e privato mettendo anche a disposizione in tempi certi le risorse necessarie.” 

"Se non verrà data una risposta immediata - continua il Consigliere Alloni - trasformerò l'interrogazione presentata oggi in un Question Time urgente nella seduta consiliare del 7 Giugno!"

 

 Milano, 20 maggio 2016


Condividi questo articolo

Vedi anche: