Archivio > COMUNICATO STAMPA

PSR: Fava pensi ai bandi che ha promesso e che ancora non si vedono

AGRICOLTURA »

 

 


 

Psr

PD: “FAVA PENSI A OCCUPARSI DEI BANDI CHE HA PROMESSO E ANCORA NON SI VEDONO”

 

“L’assessore Fava dovrebbe iniziare a preoccuparsi innanzitutto di mantenere fede ai suoi impegni”, lo dicono Marco Carra, Agostino Alloni e Giuseppe Villani, consiglieri regionali del Pd e componenti della VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, a proposito delle ultime dichiarazioni del responsabile regionale dell’agricoltura.

 

“Regione Lombardia ha bisogno di azioni concrete, non di una politica agricola regionale fatta di attacchi e di annunci disattesi – continua il consigliere Pd –. L’ultimo è apparso sul numero di aprile-maggio 2016 di Lombardia Verde. L’assessore presenta, nella pubblicazione a larga diffusione regionale, il calendario dei prossimi bandi del Psr 2014-2020, comunicando l’apertura di 10 nuovi: 5 entro i mesi di aprile/maggio, 4 entro giugno 2016 e un bando entro il periodo di giugno/luglio 2016. Ma nessuno di questi bandi è stato ancora al momento pubblicato. A che gioco sta giocando l’assessore?”, si chiede Villani.

 

Nel frattempo, il Gruppo del Pd ha depositato un’interrogazione con risposta in Commissione Agricoltura, in cui si chiede proprio all’assessore Fava quali azioni metterà in atto per recuperare i gravi ritardi accumulati nella fase di attuazione del Psr 2014-2020 e con quali tempi le aziende lombarde riceveranno le risorse relative ai primi sei bandi chiusi; quali siano i reali tempi di pubblicazione dei bandi già annunciati sul numero di Lombardia Verde e non ancora aperti e quali i motivi degli ulteriori relativi ritardi; quale sia il calendario effettivo di pubblicazione delle prossime misure, almeno per la parte che riguarda il secondo semestre 2016.

 

In sostanza, “vogliamo che renda conto e intervenga sui ritardi accumulati nell'attuazione di un Piano di sviluppo rurale che procede a rilento in Lombardia a scapito di migliaia di aziende agricole”, conclude Villani.

 

Milano, 10 giugno 2016

 

 


Condividi questo articolo

Vedi anche: