Archivio > COMUNICATO STAMPA

Olona: il servizio idrico integrato in provincia di Varese è in una situazione di emergenza assoluta

AMBIENTE »

 

 


 

Olona

BARZAGHI E ALFIERI (PD): “ALFA CONFERMA: IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI VARESE È IN UNA SITUAZIONE DI EMERGENZA ASSOLUTA”

 

Si sono tenuti questa mattina, in VI Commissione Ambiente, le audizioni sulle problematiche del fiume Olona con Alfa, la società di gestione del servizio idrico integrato della provincia di Varese. “Erano presenti il presidente, l’amministratore delegato e il consigliere competente per la parte tecnica della gestione che ci hanno confermato quanto già ascoltato la volta precedente dalla Provincia: il problema dell’Olona sono i depuratori”, commenta Laura Barzaghi, consigliera regionale del Pd e componente della Commissione.

Ma questa volta l’audizione “è stata ancora più esaustiva perché ha completato il quadro già emerso in modo molto preciso e ha finalmente chiarito in via definitiva la situazione ambientale e della qualità delle acque di tutta la provincia. Cioè, in una parola, disastrosa”.

 

E ancora una volta “è emerso in maniera evidente che la causa è dei depuratori, ma anche dell’incuria e della mancanza assoluta di attenzione al servizio idrico integrato da parte delle precedenti amministrazioni di centrodestra che negli ultimi 25 anni hanno dimenticato il settore, non attuando la messa a norma dei depuratori, trascurando persino la rete fognaria o realizzando strutture, come nel caso di Gornate Olona, che non sono in grado di funzionare a dovere dopo che sono stati spesi 16 milioni di euro di soldi dei cittadini. Così, oggi, solo il 60% delle acque vengono depurate, mentre il resto viene sversato direttamente nel fiume”, incalza Barzaghi, assieme al collega Alessandro Alfieri.

 

Altri depuratori, poi, come quelli di Olgiate Olona, Cairate, Varese Pravaccio e Cantello “necessitano di urgenti interventi di messa a norma e per i quali verranno spesi 54 milioni di euro”.

Alfa, “dotata di grandi capacità professionali e di progettazione – tengono a sottolineare Barzaghi e Alfieri –, ipotizza di poter intervenire nel giro di due anni. Ma nel frattempo le schiume continueranno a scorrere nel fiume. L’importante è che sia chiaro che la colpa non potrà essere data a chi da poco se ne sta occupando, ma a chi per 50 anni non ci ha messo mano. Incredibile a dirsi, ma ci sono ancora dei comuni della provincia di Varese privi del servizio di fognatura. Insomma, è un’emergenza assoluta”, concludono i due consiglieri.

 

Milano, 30 giugno 2016

 


Condividi questo articolo

Vedi anche: