Archivio > COMUNICATO STAMPA

Montagna: serve un assessorato

AGRICOLTURA »

 

 


 

Montagna

TOMASI (PD): “SERVE UN ASSESSORATO ALLE POLITICHE MONTANE CHE POSSA GESTIRE AMPIE RISORSE”

 

Corrado Tomasi, consigliere regionale del Pd, si è astenuto al voto sulla risoluzione sullo sviluppo e sostegno della montagna, approvata questo pomeriggio dal Consiglio regionale.

“In questi anni l’Aula si è espressa con atti condivisibili, ma senza ottenere risultati. E questo perché il problema della montagna non è in capo al Consiglio, ma alla Giunta – ha detto spiegando la sua posizione –. In questa nuova legislatura si è creata la figura del Sottosegretario alla montagna, ma anche dal suo intervento, durante questo dibattito, è apparso chiaro che a lui interessa solo della Valtellina”, ha aggiunto Tomasi, senza mezzi termini.

E se in passato la Regione, sempre governata dal centrodestra, ha sempre stanziato risorse per la montagna, “oggi sono l’assessore al Bilancio e quello all’Agricoltura che hanno tolto tutti i soldi”.

 

Perciò, Tomasi non può essere d’accordo con il Sottosegretario Parolo nemmeno sul fatto che a risolvere tutti i problemi della montagna siano “l’autonomia e gli statuti speciali: se in Trentino e in Alto Adige hanno funzionato, in Sicilia non è stato così. Ovvero, l’autonomia va bene se è gestita bene. Semmai i territori devono essere amministrati in modo omogeneo, perché non funzionano quelle realtà che, ai vari livelli, sia provinciale che regionale, sono costituite da territori non omogenei, in particolare quando la parte minore è montana. Insomma, tra territori omogenei e non omogenei, spendendo gli stessi soldi, i risultati non sono uguali”.

 

L’invito di Tomasi per uscire dall’impasse è rivolto direttamente alla “Giunta che dovrebbe scorporare i temi montani dagli assessorati all’agricoltura e all’ambiente convogliandoli in un unico assessorato alle Politiche per la montagna. Ma per il momento non vedo una volontà del genere, anzi, sarà persino difficile che vengano ripristinati i fondi, visto che a bilancio non c’è nulla”.

 

Milano, 5 luglio 2016

 


Condividi questo articolo

Vedi anche: