Archivio > COMUNICATO STAMPA

Zafferano: grazie al PD piccole produzioni locali anche nella cucina di casa

AGRICOLTURA »

 

 


 

Zafferano

BARBONI (PD): “GRAZIE AL PD, PICCOLE PRODUZIONI LOCALI ANCHE NELLA CUCINA DI CASA”

 

D’ora in poi, anche una cucina di un’abitazione civile, con determinate caratteristiche igienico-sanitarie, potrà essere utilizzata per la preparazione, il confezionamento e la conservazione di piccole produzioni locali, come ad esempio lo zafferano. Un risultato non da poco per l’economia di montagna che viene portato a casa grazie a un emendamento voluto da Mario Barboni, consigliere regionale del Pd, presentato oggi, mercoledì 27 luglio 2016, in Consiglio regionale, in fase di discussione e approvazione dell’assestamento di bilancio.

 

“Altre regioni italiane hanno già normato nello specifico i temi della lavorazione dei prodotti agricoli delle piccole aziende, semplificando in particolare le caratteristiche dei laboratori di trasformazione e confezionamento, che, soprattutto per le lavorazioni minime, vengono fatti coincidere con una cucina di civile abitazione correttamente gestita. Adesso, questo sarà possibile anche per la Lombardia”, commenta Barboni con soddisfazione al termine della votazione.

 

In particolare, ricorda il consigliere Pd, “nelle piccole aziende agricole lombarde si sta sviluppando la produzione di zafferano, sia di pianura che di montagna. E infatti queste coltivazioni sono presenti nella provincia di Bergamo, in particolare in Val Brembana, ma anche in altre zone della regione”.

Barboni fa presente anche che “lo zafferano è una pianta faticosa da coltivare e lavorare, per la sua delicatezza, ma che dà grandi soddisfazioni per la versatilità in cucina”.

 

Con l’accoglimento di due emendamenti del Pd, prima uno in Commissione e l’altro oggi in Aula, che introducono nel testo unico in materia di agricoltura il tema della semplificazione della produzione, confezionamento e conservazione delle piccole produzioni locali, quindi anche confetture e conserve di ogni genere, miele e prodotti a base di miele, erbe officinali, castagne, funghi e, appunto, zafferano, “ora anche Regione Lombardia offre un'opportunità in più a chi rimane a fare produzione in montagna”, conclude Barboni.

 

Milano, 27 luglio 2016

 

 


Condividi questo articolo

Vedi anche: