Archivio > COMUNICATO STAMPA

Pedemontana; i dati dimostrano che la tangenziale non deve essere a pagamento

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


 

PEDEMONTANA: GAFFURI (PD), “BENE LA TRASPARENZA SUI DATI, DIMOSTRANO CHE TANGENZIALE NON DEVE ESSERE A PAGAMENTO”

 

Il nuovo presidente di Pedemontana Lombarda Spa Antonio Di Pietro è stato ascoltato oggi in commissione Bilancio del Consiglio regionale e ha fornito, tra l'altro, i dati di traffico, che dimostrano come le tangenziali di Como e di Varese siano nettamente sotto il traffico atteso nel piano economico finanziario dell'opera. In particolare, la tangenziale di Como nel 2016 ha visto un traffico di veicoli pari al 28% di quelli originariamente previsti. I dati erano stati chiesti dal Consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri, che durante l'audizione ha avuto modo di riproporre al neopresidente di rendere gratuite le tangenziali e di concordare con Autostrade per l'Italia una quota dell'introito del traffico della A9 da Milano a Grandate. Di Pietro ha annunciato di aver iniziato una serie di incontri con i sindaci interessati dalla tratta: ha iniziato oggi con i sindaci della Brianza e dovrebbe infontrare i primi cittadini comaschi entro un paio di settimane.

“Di Pietro – spiega Gaffuri - ha dimostrato di avere in pochi giorni messo a fuoco i diversi problemi dell'opera, ora vedremo se sarà anche in grado, come auspichiamo, di risolverli, a partire dalla sostenibilità economica e dai lotti mancanti. Sicuramente c'è già uno scatto per quanto riguarda la trasparenza sui dati di traffico, che dimostrano ciò che da tempo sosteniamo, ovvero che le tangenziali a pagamento non funzionano, e finché sarà così avremo gli stessi problemi di traffico di prima nonostante lo sfregio del territorio. Abbiamo formulato anche a Di Pietro la proposta avanzata dal sindaco Lucini in merito alla gratuità della tangenziale e abbiamo convenuto sulle premesse, speriamo che si possa arrivare presto a ragionare anche del contenuto. Di Pietro è presidente da troppo poco tempo, torneremo sull'argomento quanto prima.”

 

Milano, 5 ottobre 2016


Condividi questo articolo

Vedi anche: