Archivio > INTERROGAZIONE

Traffico illecito di rifiuti e situazione ambientale a Montichiari (BS)

AMBIENTE »

 

 


 

INTERROGAZIONE

A RISPOSTA IMMEDIATA IN AULA

Al Presidente

del Consiglio Regionale

Oggetto: traffico illecito di rifiuti e situazione ambientale a Montichiari (BS)

I sottoscritti consiglieri regionali,

VISTO

quanto dichiarato recentemente dal pentito di mafia e collaboratore di giustizia, Nunzio Perella, nel corso della trasmissione televisiva “Nemo”, in merito al traffico illecito di rifiuti che per decenni ha coinvolto anche la Lombardia;

che nello specifico invitato a parlare della situazione Lombarda ha specificato “Ah, il Nord è davvero molto rovinato. I rifiuti li abbiamo portati solo in Lombardia, fino al 1987. Poi stava tutto pieno, e abbiamo cominciato a portarli anche al Sud. […] Fino a Mantova li abbiamo portati

anche quanto ripreso successivamente dallo stesso Perella in un incontro con Luigi Rosa del Comitato SOS Terra di Montichiari “Montichiari? Me la ricordo bene – ammette Perrella – e così Ospitaletto, Castegnato, Rovato…”. A Montichiari, proseguiva, “i rifiuti sono dappertutto. Tutte le cave che stanno lì, guarda […] son tutte piene. State peggio di noi, siete più rovinati di noi”.

CONSIDERATO

Il fatto che successivamente a tali dichiarazioni il procuratore generale di Brescia, non volendo che che tutto vada nel dimenticatoio, ha deciso di indagare ulteriormente, preannunciando di voler sentire il pentito e collaboratore di giustizia, in modo da verificare la veridicità delle affermazioni.

VALUTATO

che il territorio di Montichiari e l’intero territorio lombardo richiamato dal Perella, con lo specifico per l’area mantovana, risulterebbero interessati dal conferimento illecito di rifiuti dagli anni Sessanta fino almeno verso la fine degli anni Ottanta;

e che ci troviamo a discutere di una ulteriore possibile criticità in un’area come quella di Montichiari dove sono presenti 7 discariche in 1 chilometro quadrato e dove sono stoccati almeno 13 milioni di metri cubi di rifiuti.

RICORDATO

che lo stesso Consiglio regionale ha avuto modo di occuparsi anche recentemente della situazione del comprensorio bresciano sopra citato, tanto che dopo l’incontro del 27 ottobre scorso in Commissione Ambiente con il Comune di Montichiari e e gli Enti di controllo bresciani (Arpa, ATS), la stessa Assessora regionale, Claudia Terzi, ha tenuto a sottolineare che la situazione sarebbe stata monitorata da una specifica task force.

Che tale incontro era successivo ai fatti del 17 ottobre 2016: gli odori molesti avevano portato al ricovero di 10 bambini della scuola elementare di Vighizzolo, frazione del Comune di Montichiari

E quindi VALUTANDO l’estrema preoccupazione che hanno ingenerato le dichiarazioni di Perella nelle popolazioni locali che vivono già in una situazione dove il fattore di pressione esercitato da discariche, attività di cava, presidi imprenditoriali e attività concernenti l’ area aeroportuale è effettivamente altissimo;

INTERROGANO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E GLI ASSESSORI COMPETENTI PER SAPERE:

se a seguito delle preoccupanti dichiarazioni di Nunzio Perella siano stati attivati canali istituzionali con le strutture di Giustizia per verificare la veridicità delle affermazioni e, nel caso, quali siano state le azioni ipotizzate per intervenire anche sul versante di un rafforzamento dei controlli, considerato che, come noi sosteniamo, sarebbe indispensabile avviare un progetto di monitoraggio ambientale straordinario sul comprensorio di Montichiari comprensivo di un check up sanitario per la popolazione di Montichiari, quantomeno quella in età scolare.

Milano, 1 dicembre 2016

Gian Antonio Girelli

Agostino Alloni

Laura Barzaghi

Massimo D’Avolio

Giuseppe Villani


Condividi questo articolo

Vedi anche: