Archivio > COMUNICATO STAMPA

Piani emergenza comunali: il caso Sannazzaro dimostra l'importanza di questo strumento

AMBIENTE »

 

 


 

Piani di emergenza comunali

VILLANI (PD): “IL CASO SANNAZZARO DIMOSTRA L’IMPORTANZA DI QUESTI STRUMENTI”

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato stamattina, all’unanimità, la risoluzione per sollecitare i comuni a dotarsi e rendere efficaci i Piani di emergenza comunali. Favorevole anche il Gruppo regionale del Pd, nonostante avesse presentato alcuni emendamenti che riteneva migliorativi.

“Tutto è nato da una visita alla sede della Protezione civile fatta dalla Commissione consiliare – ricorda Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd –. Subito dopo abbiamo fatto una verifica chiedendo la data di approvazione del piano di protezione civile ad alcuni comuni lombardi. E ciò che ci è stato risposto è emblematico: alcuni risalgono persino al 1999 e i più recenti al 2005. È evidente che vanno aggiornati”.

Ma soprattutto, per Villani questi strumenti vanno realmente applicati: “Il recente incendio (il terzo in sette mesi) alla raffineria Eni di Sannazzaro dimostra quanto sia importante avere dei piani di emergenza e sicurezza costantemente aggiornati e in grado di favorire il pronto intervento in tutte le condizioni”.

Inoltre, per il Pd questi strumenti non vanno legati eccessivamente al piano regolatore: “Il riferimento in risoluzione al Piano di governo del territorio ci vuole, ma non in modo troppo rigido, altrimenti andiamo a complicare la vita ai piccoli comuni”. I quali, invece, “se ancora non si sono dotati di piani di emergenza comunali, perché magari non hanno nemmeno l’ufficio tecnico, vanno premiati, soprattutto se, ad esempio, lo fanno assieme al comune vicino – spiega Villani –. Ribalterei, insomma, lo stesso concetto di premialità: non incentivi a coloro che hanno già fatto il piano, e sono pochi, ma a chi ha voglia di farlo per la prima volta o rifarlo dopo tanti anni”.

Milano, 7 febbraio 2017


Condividi questo articolo

Vedi anche: