Archivio > INTERROGAZIONE

Centro prelievi Viadana

SANITÀ »

 

 




Al Presidente

del Consiglio Regionale

della Lombardia

INTERROGAZIONE

CON RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: centro prelievi Viadana

Il sottoscritto consigliere regionale

considerato che

- come denunciato dagli organi di stampa, il servizio prelievi attivo presso il presidio di Viadana è da giorni protagonista di disagi e disservizi: dal mese di Aprile, con il venir meno del contratto siglato con la cooperativa che effettuava il servizio (conclusosi il 31 marzo), l’infermiera viene messa a disposizione dal Poma e l’operatrice amministrativa dall’ospedale Oglio Po, contestualmente è cambiato il programma informatico gestionale, con conseguenti rallentamenti e difficoltà nell’accettazione dei prelievi;

- la situazione venutasi a determinare crea disagi non solo nel cittadino, in attesa di sottoporsi all'esame, ma nello stesso personale medico;

- simile protrarsi dei tempi comporta altresì che i campioni vengano portati in laboratorio in ritardo e che la trasmissione stessa degli esiti sia destinata a slittare;

evidenziato inoltre che

delle tre infermiere in servizio ai poliambulatori, una - dovendosi dedicare a lungo ai prelievi - ha meno tempo a disposizione per gli altri compiti (centro diabetico, odontoiatria), oltre che per l’ascolto dei pazienti;

rilevato che

con la legge di riforma (23/2015) è stato istituito l’Ambito distrettuale viadanese-casalasco proprio per risolvere le criticità del territorio;

interroga l’assessore competente per sapere

quali atti intenda intraprendere affinché cessi immediatamente la condizione di disservizio venutasi a creare al poliambulatorio di Viadana, cosicché sia i cittadini sia il personale medico possano tornare a poter fruire senza disagi del punto prelievi.

Milano, 12 Aprile 2017

Marco Carra


Condividi questo articolo

Vedi anche: