Archivio > INTERROGAZIONE

Contrattualizzazione posti letto RSD Distretto di Mantova facente parte delll'ATS Valpadana

SANITÀ »

 

 


 

 

INTERROGAZIONE

CON RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: contrattualizzazione posti letto RSD Distretto di Mantova facente parte dell’ ATS Valpadana

Il sottoscritto Consigliere regionale

premesso che

l’ATS Valpadana è stata creata dalla recente revisione del sistema sociosanitario lombardo, unendo le Asl Cremona e Mantova e comprende i Distretti di Crema Cremona e Mantova;

dal Piano Strategico Aziendale dell’ATS Valpadana, si rileva come il Distretto di Crema abbia 163.218 abitanti e 123 posti letto autorizzati e a contratto in RSD, il Distretto di Cremona abbia 197.252 abitanti e 595 posti letto autorizzati e a contratto in RSD e il Distretto di Mantova abbia 412.868 abitanti e 120 posti letto autorizzati e a contratto in RSD;

considerato che

dall’indagine ufficiale dell’Istat gli adulti con disabilità vivono prevalentemente

nelle comunità socio-riabilitative (22 per cento) o nelle residenze sanitarie (19 per cento);

l’aspettativa di vita dei disabili è fortunatamente cresciuta, grazie ai progressi della medicina e spesso le loro famiglie sono composte da genitori ormai anziani che hanno grossi problemi negli spostamenti; quindi è di palese evidenza la necessità di avere strutture residenziali vicine alla residenza;

rilevato che

risulta di palese evidenza la discriminazione dei disabili del Distretto di Mantova e delle loro famiglie, considerato altresì che come si vede dal sito dell’ATS le tre RSD mantovane presentano liste di attesa piuttosto corpose, proprio per i motivi sopra evidenziati di difficoltà a fare trasferimenti troppo lontani da casa;

detta discriminazione è ulteriormente conclamata dai dati riportati in premessa con i posti letto assegnati rispetto alla popolazione; solo per fare un esempio il Distretto di Mantova ha meno posti letto di quello di Crema, pur avendo oltre il doppio della popolazione;

pare necessario quindi provvedere urgentemente ad aumentare i posti letto in RSD accreditati e a contratto nel Distretto di Mantova, in misura pari ad almeno il doppio di quelli attualmente disponibili

interroga l’assessore competente per sapere

  • quali atti intenda intraprendere per provvedere all'aumento dei posti letto in RSD accreditati e a contratto nel Distretto di Mantova, che considerata la popolazione residente dovrebbe essere pari ad almeno il doppio degli attuali;
  • quali azioni intenda mettere in campo, sin da subito, partendo dalle strutture già autorizzate, ma non ancora a contratto, al fine di garantire una più corretta e uniforme distribuzione dei posti letto in relazione alla popolazione dell’ATS di Mantova. Gli adulti con disabilità vivono prevalentemente nelle comunità socio-riabilitative (22 per cento) o nelle residenze sanitarie assistenziali (19 per cento).

Milano, 12 Luglio 2017

Marco Carra


Condividi questo articolo

Vedi anche: