Archivio > INTERROGAZIONE

Situazione ambientale presso Società Recology in Comune di Voghera

AMBIENTE »

 

 


 

 

INTERROGAZIONE

con risposta in Commissione

Al Signor Presidente

del Consiglio Regionale

Oggetto: Situazione ambientale presso Società Recology in Comune di Voghera

Il sottoscritto Consigliere Regionale

A Conoscenza che

circa 6.300 tonnellate sono stoccate nel capannone Recology di via Lomellina a Voghera; sulla base dei primi controlli si tratta di materiale classificato come speciale, non pericoloso;

sono ormai 16 i mesi trascorsi dal fallimento della ditta con sede legale a Milano. La sentenza del 16 giugno 2016 è stata pronunciata dal giudice delegato Francesca Mammone;

Considerato che

a fonte di dichiarazioni di disponibilità, anche finanziaria, da parte di diverse Istituzioni la situazione è in un pesante stato di stallo;

aumenta la preoccupazione dei cittadini che abitano nelle vicinanze della Recology;

Visto che

la situazione necessità di una immediata azione tendente a individuare il rischio e la pericolosità dello stoccaggio di rifiuti, lo smaltimento definitivo dei rifiuti stoccati e la messa in sicurezza del sito;

INTERROGA IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E L'ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE SE:

  • non ritengono necessario un intervento immediato presso il Sindaco di Voghera affinchè:
  • venga definito il grado di rischio e di pericolosità dello stoccaggio di rifiuti;
  • venga attivato immediatamente un servizio di sorveglianza continua del sito per prevenire ogni possibile incidente, in particolare per impedire incendi di qualsiasi natura anche dolosa;
  • il Sindaco attivi un Tavolo d'Emergenza e di Pronto Intervento con tutti i soggetti interessati (Curatore Fallimentare, Prefettura, Regione Lombardia, Provincia di Pavia, enti preposti al controllo ambientale) per avviare i lavori di sgombero del sito e di smaltimento dei rifiuti;
  • vengano attivate tutte le procedure legali per il recupero dei costi di bonifica del sito nei confronti dei responsabili dello stoccaggio valutando anche l'opportunità di coinvolgere, nel sostenere i costi di bonifica, i produttori e i proprietari originari dei rifiuti incautamente affidati alla Recology.

Milano 9 ottobre 2017

Giuseppe Villani


Condividi questo articolo

Vedi anche: