Archivio > COMUNICATO STAMPA

Treni: guati e disagi senza precedenti, la misura è colma

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


 

TRENI, PILONI E FORATTINI (PD) SCRIVONO ALL’ASSESSORE: “GUASTI E DISAGI SENZA PRECEDENTI, LA MISURA È COLMA”

A distanza di pochi giorni dall'interrogazione discussa in commissione Trasporti, proprio sul tema dello stato delle linee ferroviarie cremonesi, i consiglieri regionali del PD Matteo Piloni e Antonella Forattini hanno scritto una lettera all’assessore Claudia Terzi, all’indomani dell’odissea vissuta dai pendolari che ieri sera sono tornati a casa con oltre tre ore di ritardo e che sono stati soccorsi dalla Polizia e dai Vigili del Fuoco, intervenuti sul convoglio rimasto fermo in mezzo ai campi sulla linea Milano-Cremona-Mantova.

“Un vero e proprio inferno – raccontano i consiglieri, elencando i numerosi casi che si sono verificati durante la giornata nera - Un treno fermo per un'ora a Gazzo per un guasto ad un passaggio a livello, un altro in attesa a Codogno per un pullman che non arrivava, un altro soppresso da Milano, un altro instradato da Cremona per Milano via Treviglio, ma l’episodio più grave si è verificato dopo Ponte Adda tra Pizzighettone e Acquanegra, per un problema alla linea aerea, coinvolgendo il treno numero 2661”.

“Quanto accaduto ieri sera non può essere liquidato come un ulteriore disservizio. C'è qualcosa di più. Trenord non ha più il controllo della situazione. Ed è estate. Cosa succederà quest'autunno?”

Una situazione senza precedenti, dicono i consiglieri che chiedono all’assessore di intervenire immediatamente nei confronti di Trenord e Rfi per conoscere nel dettaglio cosa è accaduto ieri sera e mettere in campo quelle azioni necessarie per evitare ulteriori disagi. Per la cronaca, fanno sapere, anche il treno di questa mattina, il n.2648 da Mantova verso Milano via Codogno, è stato soppresso: “Non bastano i bonus ai pendolari e non bastano le penali nei confronti di Trenord, occorre prendere in mano la situazione con coraggio e determinazione”.

Nel frattempo, anche i sindaci dell'asta ferroviaria Cremona-Treviglio hanno inviato una lettera sui tempi di chiusura dei passaggi a livello, indirizzata a Rfi e Trenord, e per conoscenza all’assessore, con la quale si chiede di valutare l'installazione di dispositivi per ridurne i tempi.

“Una questione che riguarda anche altri territori, chiediamo pertanto alla Giunta di sollecitare Rfi e Trenord a dare le risposte necessarie e mettere in campo soluzioni concrete” concludono.

Milano, 25 luglio 2018


Condividi questo articolo

Vedi anche: