Archivio > COMUNICATO STAMPA

Punto nascita Piario: ancora una volta la Regione rifiuta di ascoltare la montagna

SANITÀ »

 

 


 

Punto nascita di Piario, Scandella (Pd): ”Ancora una volta la Regione rifiuta di ascoltare la montagna”

Ancora una volta la Regione rifiuta di ascoltare la montagna. Il consigliere regionale del Pd, Jacopo Scandella commenta così la decisione della maggioranza di non discutere in aula oggi la mozione urgente sul punto nascita di Piario. “24 sindaci- sottolinea Scandella-   hanno depositato un ricorso al Tar contro la delibera di giunta, 16mila persone hanno firmato con lo stesso intento e ogni giorno il Comitato a difesa dell'ospedale raccoglie centinaia di adesioni per salvaguardare il diritto di chi vive in montagna ad avere servizi pubblici ad una distanza ragionevole. Eppure, la maggioranza ha detto ancora no a portare in aula questo tema.”

“L'obiettivo della mozione - continua Scandella - è quello di impegnare la Giunta a modificare la delibera che decreta la chiusura di Piario e attivarsi per garantire gli standard necessari per l'ottenimento della deroga ministeriale. La carenza di professionisti - ginecologi e pediatri in primis - spinge sì verso una razionalizzazione dei punti, ma non è possibile che questa venga sempre fatta sulla pelle dei territori montani. Un bacino di 44 comuni e 109 mila abitanti, molti dei quali - in assenza di Piario - sarebbero costretti a lunghe percorrenze, senza contare il traffico imponente che, soprattutto nella fascia mattutina e nei festivi, si genera lungo il bacino della Valle Seriana. Lega e Forza Italia si schierano ancora una volta contro i territori più periferici, quelli che hanno già subito la perdita di numerosi servizi pubblici e che oggi avrebbero bisogno di maggiore attenzione."

Milano, 11 settembre 2018


Condividi questo articolo

Vedi anche: