Archivio > ALTRO DOCUMENTO

Combattere i pregiudizi per fermare la violenza

POLITICHE SOCIALI »

 

 


 

Combattere i pregiudizi per fermare la violenza

25 novembre Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Non sei da sola. Queste le parole scritte sulla maglietta che tutti i consiglieri regionali hanno indossato nell’ultima seduta per ricordare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

 

Parole che per tutte le istituzioni devono tradursi in impegno quotidiano. Non lasciare da sole le donne significa dare loro sostegno nell’emergenza e condividerne la sofferenza ma anche combattere la forma di violenza più strisciante, quella dettata da un antico retaggio culturale che ancora oggi cerca di impedirne la piena affermazione. I pregiudizi continuano a essere radicati nella società e mai come in questo momento sono evidenti. Il progetto di legge Pillon, di modifica della legge sul divorzio e la separazione, è un attacco indiretto ai diritti delle donne. E’ discriminatorio soprattutto nei confronti delle più fragili e mira a portarle a una condizione di dipendenza che vieta loro di decidere liberamente della loro vita e di quella dei loro figli. Contrastare il progetto Pillon è una forma di contrasto alla violenza sulle donne, cosi come denunciare ogni linguaggio che ne offenda la dignità.

 

Sempre più spesso le donne sono bersaglio di attacchi verbali violenti . Proprio nei giorni scorsi il ministro dell’Interno Salvini ha postato sui social la foto di una studentessa minorenne, rea solo di aver manifestato contro il suo governo, ne sono seguiti migliaia di commenti sessisti e misogini di raro squallore. Una violenza che non può non preoccupare e che va denunciata come hanno fatto le democratiche milanesi.

 

La lettera al Ministro Salvini

 

 

La redazione di NovitàSettegiorniPD


Condividi questo articolo

Vedi anche: