Archivio > INTERROGAZIONE

Pista ciclabile Cava Manara - Mezzana Corti e Brondelli

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


 

INTERROGAZIONE

CON RISPOSTA SCRITTA

Al Presidente

del Consiglio regionale

OGGETTO: Pista ciclabile Cava Manara – Mezzana Corti e Brondelli

Il sottoscritto Consigliere,

Vista la l.r. n. 9 del 30 aprile 2009 “Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica in Lombardia”.

Considerato che la Lombardia con Delibera di Giunta Regionale del 22 dicembre 1999 si è dotata di un manuale per la realizzazione della rete ciclabile regionale che si colloca fra le iniziative atte a contribuire al conseguimento dell’obiettivo di uno sviluppo sostenibile del territorio lombardo.

Premesso che l’art. 6 (Definizioni, tipologia e localizzazione) dello stesso prevede:

1. Pista ciclabile: parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei velocipedi.

2. La pista ciclabile può essere realizzata:

a) in sede propria, ad unico o doppio senso di marcia, qualora la sua sede sia fisicamente separata da quella relativa ai veicoli a motore ed ai pedoni, attraverso idonei spartitraffico longitudinali fisicamente invalicabili;

b) su corsia riservata, ricavata dalla carreggiata stradale, ad unico senso di marcia, concorde a quello della contigua corsia destinata ai veicoli a motore ed ubicata di norma in destra rispetto a quest’ultima corsia, qualora l’elemento di separazione sia costituito essenzialmente da striscia di delimitazione longitudinale o da delimitatori di corsia;

c) su corsia riservata, ricavata dal marciapiede, ad unico o doppio senso di marcia, qualora l’ampiezza ne consenta la realizzazione senza pregiudizio per la circolazione dei pedoni e sia ubicata sul lato adiacente alla carreggiata stradale.

3. Possono comunque sussistere piste ciclabili formate da due corsie riservate contigue nei seguenti casi:

a) sulle strade pedonali, qualora l’intensità del traffico ciclistico in rapporto a quello pedonale ne richieda la realizzazione; in tale caso si tratta di corsie di opposto senso di marcia ubicate in genere al centro della strada;

b) sulla carreggiata stradale, qualora l’intensità del traffico ciclistico ne richieda la realizzazione; in tale caso si tratta di corsie ciclabili nello stesso senso di marcia ubicate sempre in destra rispetto alla contigua corsia destinata ai veicoli a motore. Tale soluzione è obbligatoria quando sussistono condizioni di particolare intensità del traffico ciclistico ed il suo flusso risulti superiore a 1.200 unità/ora, per almeno due periodi di punta non inferiori a quindici minuti nell’arco delle ventiquattro ore.

4. Salvo casi particolari, per i quali occorre fornire specifica dimostrazione di validità tecnica della loro adozione ai fini della sicurezza stradale, specialmente con riferimento alla conflittualità su aree d’intersezione, non è consentita la realizzazione di piste ciclabili a doppio senso di marcia con corsie ubicate entrambe sullo stesso lato della piattaforma stradale.

5. In area urbana la circolazione ciclistica va indirizzata prevalentemente su strade locali e, laddove sia previsto che si svolga con una consistente intensità su strade della rete principale, la stessa va adeguatamente protetta attraverso la realizzazione di piste ciclabili.

6. In generale e con riferimento specifico alla tipologia delle strade indicata nel decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, è da osservare che:

a) sulle autostrade, extraurbane ed urbane, e sulle strade extraurbane principali, la circolazione ciclistica è vietata, ai sensi dell’articolo 175 del suddetto decreto legislativo, e da indirizzare sulle relative strade di servizio; b) sulle strade extraurbane secondarie e sulle strade urbane di scorrimento le piste ciclabili - ove occorrano – devono essere realizzate in sede propria, salvo i casi nei quali i relativi percorsi protetti siano attuati sui marciapiedi;

c) sulle strade urbane di quartiere e sulle strade locali extraurbane, le piste ciclabili possono essere realizzate oltre che in sede propria, anche su corsie riservate;

d) sulle strade locali urbane, le piste ciclabili - ove occorrano - - devono essere sempre realizzate su corsie riservate.

Preso atto che per la realizzazione di un lotto della pista ciclabile Cava Manara - Mezzana Corti e Brondelli il Comune di Cava Manara ha ottenuto un contributo da parte di Regione Lombardia a valere sul bando “Promozione del Cicloturismo in Lombardia”.

Venuto a conoscenza di un esposto presentato in data 08/06/2018 da alcuni consiglieri comunali del comune interessato oltre che alla regione Lombardia alla Corte dei Conti e, per conoscenza, all’A.N.A.C., esposto relativo a seri dubbi riguardanti sia aspetti tecnici del progetto sia l’iter procedurale della relativa approvazione.

Verificato come da alcuni organi di stampa e da iniziative locali (assemblee, raccolte di firme, ecc.), sia emersa la preoccupazione della cittadinanza per la pericolosità dell’opera.

Per tali motivi

interroga l'Assessore competente per conoscere

Se il suddetto esposto, del quale finora non è stata data risposta ai succitati consiglieri comunali, sia stato valutato dagli uffici competenti;

Se sono stati eseguiti controlli sul progetto e se ne sia stata verificata la coerenza con le indicazioni contenute nel D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e alla DGR VI/47207 “Manuale per la realizzazione della rete ciclabile regionale”;

Se è stato completato l’iter di rendicontazione relativa al bando con conseguente trasferimento dei finanziamenti previsti al comune di Cava Manara.

Milano, 10 dicembre 2018

Giuseppe Villani


Condividi questo articolo

Vedi anche: