Archivio > INTERROGAZIONE

PSR 2014 - 2020 SISCO - PSR 2014-202 QT

AGRICOLTURA »

 

 


 

INTERROGAZIONE

a risposta immediata in aula

Al Signor Presidente

del Consiglio regionale

 

OGGETTO: PSR 2014-2020. Sistema Informativo di gestione delle Conoscenze (SISCO): Problematiche in essere e necessità di modifica dei termini contenuti nei bandi.

 

I sottoscritti Consiglieri Regionali

PREMESSO che:

- Il passaggio dal Sistema Informativo Agricolo SIARL al Sistema delle Conoscenze Sis.Co. ha preso avvio nel 2012 ed è stato messo in linea e reso fruibile dalle aziende agricole a partire dal 2014 nel perseguimento dei seguenti obiettivi:

  • evoluzione tecnologica;
  • valorizzazione del sistema delle conoscenze e accessibilità ad un bacino di utenza più
  • ampio ed eterogeneo;
  • ampliamento dell'offerta degli strumenti e dei servizi web;
  • dematerializzazione dei procedimenti di aiuto

- Sis.Co. è il Sistema Informativo Agricolo che comprende:

  • l'anagrafe regionale delle aziende agricole;
  • i fascicoli aziendali informatizzati;
  • le procedure informatizzate per l'erogazione degli aiuti previsti dalla normativa statale ed europea vigente e per ogni altro aiuto economico erogato dall'Organismo Pagatore e dalla Regione o da altro soggetto da essa delegato a sostegno del comparto;
  • e costituisce quindi anche la piattaforma attraverso la quale le aziende agricole presentano la domanda unica e le domande relative ai bandi emessi in relazione alle misure previste dal Programma di Sviluppo Rurale;

CONSIDERATO che dall'efficienza e dall'efficacia del sistema informativo agricolo dipende l'accessibilità per le 47.000 aziende agricole lombarde alle risorse rese disponibili dal PSR 2014-2020, che ricordiamo per la Lombardia ammontano a 1.157 milioni di euro complessivi di cui 499 milioni provenienti dall'Unione Europea, 461 milioni dallo Stato e 197 milioni dal bilancio regionale;

CONSIDERATO inoltre il costo complessivo per lo sviluppo, implementazione, gestione e manutenzione di Sis.Co. che per il solo periodo 2011/2017 è stato pari ad oltre 14 milioni di euro, comprensivi dei costi relativi allo sviluppo delle componenti strutturali, all'integrazione con altri sistemi/banche dati, allo sviluppo di applicazioni per gli utenti ed alla gestione del servizio;

RICORDATO che tra le criticità sottolineate dalle associazioni di categoria nel corso delle audizioni avvenute in questi anni in Commissione VIII, è emersa anche la difficoltà di interscambio con i dati del sistema informativo nazionale (SIAN), problematica che potrebbe mettere a rischio l'accessibilità per le aziende agricole lombarde a parte dei pagamenti diretti della PAC ed alla gestione del Piano annuale di produzione (PAP) in scadenza il 31 gennaio 2019, adempimento importante per le aziende agricole biologiche, che oltre ad avere una rilevanza per i controlli è essenziale per la richiesta dei contributi europei;

PRESO atto delle segnalazioni pervenute da alcune aziende agricole, dalle quali risulterebbe che le problematiche correlate all'introduzione del nuovo sistema informativo non sarebbero ancora del tutto superate;

RILEVATO che i più recenti bandi PSR 2014-2020 riportano, in relazione alla presentazione delle domande, le seguenti precisazioni:

“In caso di mancata assegnazione del protocollo o di assegnazione del protocollo oltre tale scadenza, anche a causa di eventuali anomalie o disfunzioni informatiche, la domanda si considera non presentata.

La presentazione della domanda entro la data e l’orario stabiliti come scadenza di presentazione è di esclusiva responsabilità del richiedente, il quale si assume qualsiasi rischio in caso di mancata o tardiva ricezione della stessa, dovuta, a titolo esemplificativo e non esaustivo, a malfunzionamenti degli strumenti telematici utilizzati, incompatibilità degli strumenti telematici utilizzati con il sistema Si.Sco., difficoltà di connessione e trasmissione, lentezza dei collegamenti, o qualsiasi altro motivo.

E’ esclusa ogni responsabilità di Regione Lombardia ove per ritardo o disguidi tecnici o di altra natura, ovvero per qualsiasi motivo, la domanda non sia presentata entro la scadenza stabilita.”

RITENUTO che le disfunzioni di natura informatica verificatesi negli ultimi anni, sono state in taluni casi riconducibili a malfunzionamenti della piattaforma regionale;

 

Interrogano l’Assessore competente affinché riferisca all’Aula per sapere:

- Come intende intervenire per superare le criticità espresse in premessa e se non ritenga utile prevedere all’interno dei bandi del PSR la possibile proroga dei termini di scadenza qualora si rilevassero disfunzioni informatiche non imputabili alle aziende agricole.

 

Milano, 31 Gennaio 2019

 

Giuseppe Villani

Matteo Piloni

Patrizia Baffi

Carlo Borghetti

Angelo Orsenigo


Condividi questo articolo

Vedi anche: