Archivio > ALTRO DOCUMENTO

Bandi in agricoltura: ancora problemi con Sis.Co.

AGRICOLTURA »

 

 


 

BANDI IN AGRICOLTURA, ANCORA PROBLEMI CON SISCO

A rischio i finanziamenti della Pac. La responsabilità ricade sugli imprenditori, ma il malfunzionamento è della piattaforma informatica regionale

Discussa martedì 5 febbraio in Consiglio regionale l’interrogazione del PD sui problemi riscontrati da tanti agricoltori lombardi sulla piattaforma Sisco. Dopo 5 anni e 14 milioni di euro, il sistema presenta ancora diversi malfunzionamenti. Serve una proroga, ma soprattutto una soluzione definitiva

«Abbiamo portato in Consiglio regionale le richieste degli agricoltori lombardi penalizzati da un sistema informatico regionale che ancora non funziona a dovere». 

E' stato il consigliere regionale del PD Giuseppe Villani a farsi carico delle preoccupazioni degli imprenditori della nostra regione rispetto al malfunzionamento della piattaforma SISCO necessaria per accedere ai finanziamenti europei PAC.

«La Lombardia è la prima regione agricola italiana - ha detto Villani all'indirizzo dell'assessore regionale Rolfi - e, sappiamo bene, si vanta di essere anche la più tecnologica. Ma dopo cinque anni e 14 milioni di euro spesi per questa infrastruttura informatica, gli agricoltori si ritrovano a perdere finanziamenti non per colpa loro, ma per il malfunzionamento di SISCO. Ci sono anche problemi, riconosciuti dallo stesso assessore, sul coordinamento fra sistema regionale e nazionale». 

In questi anni il PD ha raccolto numerose segnalazioni e ha già portato il problema all'attenzione della Commissione Agricoltura e del Consiglio regionale.

«Oltre al danno, c'è anche la beffa - continua Villani - perchè la responsabilità è addossata alle imprese anche quando queste ultime si sono mosse nei tempi e con le modalità corrette. Abbiamo chiesto quindi all'assessore di valutare le situazioni segnalate e pensare a una proroga. Ma l'intervento non può essere solo emergenziale, serve una soluzione definitiva. Rolfi ci ha detto che i problemi si stanno gradualmente risolvendo. Ne prendiamo atto, ma la questione si trascina da cinque anni. Come PD continueremo a stare al fianco degli agricoltori, a monitorare la situazione e portarla all'attenzione della Regione». 


Condividi questo articolo

Vedi anche: