settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


NUTRIE, LA MAGGIORANZA SI RICREDE

Prima vota a favore delle risorse in Commissione Agricoltura. Poi le boccia in Bilancio. A che gioco gioca Regione Lombardia?

Regione Lombardia non è interessata al problema nutrie. Forse i consiglieri regionali di centrodestra che fanno parte della Commissione Agricoltura e soprattutto provengono da quei territori, sì. Ma sicuramente in Giunta e negli assessorati, anche quelli preposti, non ci tengono affatto ad aiutare chi subisce danni per arginare il fenomeno. Almeno a giudicare da quanto accade in consiglio regionale.
"Avevamo appena approvato, in commissione Agricoltura, un nostro emendamento che stanziava un milione 200mila euro per i prossimi tre anni per il piano triennale di eradicazione delle nutrie, che la maggioranza ha fatto marcia indietro. E in commissione Bilancio ha bocciato la richiesta", fa sapere Marco Carra, capogruppo in Commissione.
"Avevamo chiesto di stanziare 600mila euro per il 2018 e rispettivamente 300mila euro per il 2019 e altrettanti per il 2020, ma se i colleghi, anche del centrodestra, della Commissione Agricoltura sono stati decisamente d'accordo, quelli che seguono la Bilancio hanno ascoltato l'invito dell'assessore regionale all'Economia a rigettare la nostra richiesta", racconta ancora Carra.
"I motivi non li conosciamo: temiamo il solito gioco politico. C'è da dire che l'assessore si è impegnato, comunque, a mettere risorse per l'eradicazione delle nutrie in fase di approvazione di bilancio, nelle prossime settimane - aggiunge il consigliere Pd -. Speriamo solo che non siano ridotte all'osso, quindi un contentino per poter dire di aver fatto almeno il gesto. Il problema del prolificare del roditore è serio, colpisce agricoltori, imprenditori, intere comunità. Serve un intervento adeguato, non la propaganda fine a se stessa".

Novità Settegiorni # 430 del 08/12/2017