settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


PAVIA BOCCIATA DA MARONI

Gli emendamenti presentati dal Pd per temi chiavi per la provincia, non sono stati approvati dal centrodestra

Bocciati tutti gli emendamenti riguardanti la provincia di Pavia, in consiglio regionale, durante la discussione sul bilancio. I temi riguardavano l'avvio di un Piano territoriale regionale d'area della Lomellina, la nuova fermata ferroviaria a Pavia per la S13 di Trenord, lo sviluppo di itinerari turistici per l'area dell'Alto pavese con al centro la valorizzazione della Certosa di Pavia, il sostegno e lo sviluppo degli itinerari del Basso pavese con la via Francigena, le terme di Miradolo, l'agroalimentare di qualità, la valorizzazione della cultura del riso e del vino.
"Niente di tutto questo è parso interessare alla Giunta Maroni, arrivata ormai alla fine - commenta Giuseppe Villani -. Ma è parso evidente fin dall'inizio che questo bilancio, ancora più dei precedenti, dimostra tutta l'incapacità di questa amministrazione regionale di affrontare i problemi del territorio. I documenti contabili risentono del fatto che siamo a fine legislatura e quindi, oltre al vuoto assoluto, vi si leggono solo misure assolutamente elettoralistiche".
Di fronte a questa modalità, il Pd ha presentato, oltre alle proposte di carattere generale su temi di fondo come il lavoro, la sanità, l'ambiente, i trasporti, puntuali emendamenti e ordini del giorno sulle specificità di ogni tipo di territorio. "Questo anche per Pavia dove abbiamo sviluppato proposte precise per quanto riguarda i trasporti ferroviari, il turismo, l'agricoltura, l'assetto territoriale che nel loro insieme potevano aiutare a correggere concretamente l'impostazione della Giunta e a porre le basi per lo sviluppo futuro - aggiunge Villani -. E invece, con un atteggiamento di chiusura, non si sono volute prendere in considerazione queste proposte, bocciando sostanzialmente tutti gli emendamenti territoriali e rifiutando così una discussione sul futuro della Lombardia".
Ma il consigliere pavese assicura che "certamente il Pd non si ferma e proprio a partire dai territori lavorerà per un'efficace azione per dare soluzione ai problemi".

Novità Settegiorni # 432 del 22/12/2017