settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


REVISORE ARPA INDAGATO PER FRODE FISCALE MILIONARIA

Commercialista di area Lega, già assessore a Lecco negli anni 90

"L'inchiesta che vede indagato per frode fiscale il presidente del collegio dei revisori di Arpa e membro del collegio sindacale dell'ospedale Niguarda Cà Granda, Felice Tavola, è un altro caso personale che allunga l'elenco di persone coinvolte in indagini della Magistratura, legate o nominate dall'attuale maggioranza in Consiglio regionale". Lo dicono Giuseppe Civati e Arianna Cavicchioli commentando le ultime vicende che investono nuovamente Regione Lombardia.
Vale la pena ricordare che solo a dicembre era stato arrestato il coordinatore dello Staff dell'Agenzia regionale per l'Ambiente lombarda, Giuseppe Rotondaro, nell'ambito della stessa inchiesta che aveva portato all'incarcerazione di Nicoli Cristiani, allora vice Presidente del Consiglio regionale lombardo.
Ora le indagini che riguardano Felice Tavola, già assessore al Bilancio al comune di Lecco nella prima giunta leghista degli anni '90, notissimo commercialista ed esponente di primissimo piano del partito di Bossi, gettano nuove perplessità sulle attività future delle istituzioni coinvolte ed è arrivato il tempo di trarre le debite conseguenze. Tavola nel suo ruolo svolge funzioni di verifica dell'operato delle aziende per cui è stato nominato, accerta la regolarità e la conformità dei bilanci, effettua con gli altri revisori. Si tratta di funzioni di verifica molto importanti. E questo vale e valeva per tutte le altre figure della maggioranza coinvolte in questi ultimi mesi da inchieste giudiziarie.
Aggiungono infatti Civati e Cavicchioli: "Tavola è un importante esponente di Lega Nord. Crediamo che questo continuo emergere di fatti giudiziari che riguardano esponenti dell'attuale maggioranza o persone da questa nominate in uffici delicati, insieme all'impasse dell'attività amministrativa regionale, renda purtroppo evidente la grande difficoltà, se non l'impossibilità, per Formigoni di continuare a lavorare serenamente per il bene di tutti i lombardi. Un cambiamento è ormai improrogabile ed è quello che ci attendiamo".

Novità Settegiorni # 180 del 13/04/2012