settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


APPROVATO IL BILANCIO 2013 DELLA REGIONE LOMBARDIA

Bocciati gli emendamenti Pd che vota contro, anche sugli ammortizzatori sociali

Niente soldi per la cassa integrazione in deroga, nulla per finanziare le leggi per la legalità, niente per la lotta all'amianto e alla violenza sulle donne: il bilancio regionale 2013, approvato martedì scorso dal consiglio regionale dimissionario, non ha lasciato spazio a nessuna delle istanze del Pd. I consiglieri di Pdl e Lega, ricompattati a difendere il bilancio predisposto dalla giunta di transizione, hanno respinto tutti gli emendamenti del Partito Democratico, sebbene questi fossero pochi e di merito. Un bilancio, comunque, che non soddisfa il Pd.
"In chiusura di legislatura - spiega Enrico Brambilla, capodelegazione Pd in commissione bilancio - arriva un bilancio 2013 che dimostra l'incapacità di questa giunta di dare risposte ai bisogni dei lombardi e all'incalzare della crisi economica. Non ci sono novità sostanziali se non la mancanza di stanziamenti per chi ha perso o perderà il lavoro e per i disabili, e se c'è da un lato l'incapacità di stare al fianco di chi ha più bisogno, non c'è dall'altro la capacità di favorire la ripresa economica, visto che per sviluppo e crescita delle imprese sono stati stanziati poco più di cento milioni di euro su oltre 22 miliardi di spesa".
A proposito della bocciatura degli emendamenti presentati dal PD, Brambilla aggiunge: "Avremmo voluto poterci confrontare sulle scelte di questo bilancio, su alcune proposte di merito limitate a pochi temi qualificanti: avevamo chiesto di stanziare 30 milioni di euro per gli ammortizzatori sociali, di finanziare le bonifiche e la rimozione dell'amianto dagli edifici pubblici e privati, di mettere risorse sulla lotta alla criminalità e sulla difesa della legalità e della trasparenza e di finanziare la legge contro la violenza sulle donne. La ex maggioranza ha preferito fare muro, ma è chiaro che il prossimo Consiglio dovrà affrontare le questioni che abbiamo posto in Aula".

Novità Settegiorni # 210 del 14/12/2012