settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


RIFIUTI MA ANCHE RISORSE

Sì ai rifiuti del Lazio. E Roma rifinanzi la cassa integrazione in deroga e il patto di stabilità, chiede il Pd

Il solito tira e molla sui rifiuti. Una regione che non sa più dove metterli, le altre che non li vogliono. Ognuno si tenga i suoi, sembra essere la linea di condotta comune. Dalla Lombardia alla Sardegna - soprattutto i governatori di centrodestra -, nessuno vuole la spazzatura laziale. Oppure, come nel caso della Rosa Camuna, l'assessore regionale all'Economia Massimo Garavaglia propone baratti al Governo: rifiuti in cambio di soldi. Quelli della cassa integrazione in deroga. Salvo essere smentito dal suo presidente Roberto Maroni. Tant'è.
Il Partito democratico, con il capogruppo regionale Alessandro Alfieri, ha una posizione ben diversa e più equilibrata: "In un passaggio delicato come questo, siamo convinti che Regione Lombardia debba essere disponibile a fare la propria parte, nel principio di corresponsabilità e solidarietà che ci deve essere fra le regioni - dice -. Tuttavia, parallelamente, ci aspettiamo di ricevere una più corretta ripartizione degli ammortizzatori sociali, in primis la cassa integrazione in deroga, che è passata dal 22 al 17%, penalizzando la Lombardia. Così come ci aspettiamo quanto prima le risorse del patto di stabilità territoriale, per aiutare comuni e imprese. Si tratta di una soluzione equilibrata che in un Paese solidale, appunto, come deve essere il nostro, è la più giusta".

Novità Settegiorni # 219 del 12/04/2013