settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


PER LE NUTRIE SERVE UNA MODIFICA DI LEGGE

Regione Lombardia deve recepire la norma nazionale. Altrimenti la lotta al roditore non può continuare

"È quanto mai urgente una modifica della legge regionale di modo che i piani di contenimento provinciali delle nutrie possano continuare a essere in vigore", lo chiedono a Regione Lombardia Marco Carra e Agostino Alloni, consiglieri regionali del Pd, componenti della Commissione Agricoltura del Consiglio regionale.
"Il decreto legge 91/2014 che, compiendo un passo in avanti, contiene, nelle disposizioni urgenti per il settore agricolo, il nuovo status di questi dannosi roditori, è stato convertito in legge già a giugno, ma la Regione ancora non ha recepito nella sua normativa, risalente al 2002, la novità - spiegano Carra e Alloni -. Questo comporta un rallentamento delle operazioni di contenimento o di eradicazione e blocca le Province cui spetta questo compito".
Oggi la nutria non è più una specie protetta, ricordano i consiglieri Pd, dunque "la legge regionale va armonizzata per fermare una volta per tutte i danni all'agricoltura, agli argini, ai piccoli ponti campestri. Sollecitiamo, quindi, la Giunta e l'assessore Fava a modificare senza indugi la normativa regionale, sia per quanto riguarda il contenimento che lo smaltimento delle carcasse, tema altrettanto importante per chi vuole e deve intervenire. La Regione dia, perciò, quanto prima una certezza legislativa alle Province. Sulla questione noi continueremo a incalzare l'assessorato".

Novità Settegiorni # 283 del 19/09/2014