settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


SINDACI CONTRO PIROLISI

Sono arrivati in gruppo a Milano per dire ancora una volta "no" all'impianto di Retorbido. E il Pd ha pronta una mozione per cambiare la legge

Tutti schierati con la fascia tricolore per dire un ennesimo, chiaro 'no' all'impianto di pirolisi di Retorbido. Si sono trovati così, nella sede del Consiglio regionale della Lombardia, a Palazzo Pirelli, a Milano, i sindaci della provincia di Pavia, capeggiati dalla primo cittadina di Retorbido Isabella Cebrelli, con il presidente provinciale Daniele Bosone e l'assessore regionale all'Ambiente Claudia Terzi, per affrontare ancora una volta il tema del progetto di impianto di pirolisi.
"È stato un ennesimo confronto tra i vari livelli istituzionali che si è chiuso con un'intenzione: se la legge spesso è superiore alla volontà del territorio, bisogna intervenire a livello normativo e apportare delle modifiche. Altrimenti non si troverà mai una soluzione condivisa e definitiva", racconta Giuseppe Villani, capogruppo in commissione Ambiente, presente all'incontro.
A questo proposito Villani annuncia la presentazione di una mozione, che andrà in trattazione già nella seduta di Consiglio regionale di martedì prossimo 1 dicembre, in cui si impegna la Giunta a "valutare l'opportunità di un aggiornamento intermedio del Prgr 2014; a valorizzare, anche mediante specifico aggiornamento i contenuti della delibera sulla rilevanza della componente salute pubblica negli studi di impatto ambientale; attivare in Commissione Ambiente un tavolo di lavoro interdisciplinare che coinvolga tutti gli assessorati e le Commissioni interessate al fine di individuare modalità procedurali in grado di aumentare gli spazi di partecipazione alle decisioni autorizzative e localizzative, possibilmente a monte delle procedure di Vas, Via e Aia; valutare di conseguenza l'opportunità di promuovere una nuova legge regionale con l'obiettivo di potenziare la promozione del dibattito pubblico e della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali tenendo in considerazione i testi dei progetti di legge sul tema già depositati".
Villani si aspetta "che ci sia trasversalità su questo testo e che la maggioranza che governa Regione Lombardia mantenga gli impegni presi anche nell'incontro di oggi".

Novità Settegiorni # 340 del 27/11/2015